2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

1.10.12

Gente interessante che dice cose interessanti - Jacques Audiard

Raramente capita di fare interviste interessanti, in cui l'intervistato è disponibile, loquace e in grado di esprimere concetti interessanti. Quelle rare volte che capita vale la pena riportarle per intero.
Arriva, si siede, poggia il suo Fedora sul tavolo e chiede se può accendersi la pipa. Spesso i registi assomigliano ai film che fanno, alla stessa maniera con la quale i padroni di cani alle bestie che possiedono. Jacques Audiard sembra uscito da un film di Jacques Audiard.
Figlio d’arte (il padre ha scritto metà del miglior cinema francese) e ottimo scrittore prima che regista, forse è uno dei più grandi cineasti in attività, di certo uno dei più sottovalutati. Un sapore di ruggine e ossa è il suo sesto capolavoro.

Da dove viene Un sapore di ruggine ed ossa?
Da una raccolta di racconti di Craig Davidson intitolata “Rust and bones”, sono storie che parlano della barbarie dopo la crisi, individui sprovvisti di tutto che hanno solo il corpo come merce di scambio gli uni con gli altri e questo ovviamente si lega alla nascita di un amore e alla loro capacità di amarsi.
Certo detto così è molto semplice ma questa è proprio la difficoltà di adattare questi racconti, riuscire ad arrivare a questa semplicità da “boy meets girl”.

Siamo però lontani dalla brutalità di Il profeta?
Si quel film era un caso particolare, ma anche questo in un certo senso lo è. E’ vero che è più delicato ma la vera novità, almeno per me, è stato lavorare con un attrice su di un corpo femminile, avevo davvero la voglia di filmare un volto o un corpo di donna nell’universo di Davidson.

Non era capitato già in Sulle mie labbra?
E’ vero che nel mio cinema ci sono spesso personaggi cui manca qualcosa, eppure il parallelo con Sulle mie labbra io l’ho notato solo in sala di montaggio. E quando l’ho accennato alla mia montatrice lei mi ha risposto: “Ma sei cretino o cosa?? E’ evidente!”.

Aveva da subito in mente Marion Cotillard?
No. In realtà quando scrivo non penso agli attori che interpreteranno i ruoli, lo faccio solo quando finisco di scrivere. Non conoscevo molto il lavoro di Marion, ma di certo ci sono 2-3 momenti di La vie en rose che mi erano rimasti impressi e avevo creato in me l’interesse a lavorare con lei. Trovo sia un’attrice con un melange straordinario di virilità e femminilità. Quando la vedo recitare ha qualcosa che richiama le grandi attrici del cinema muto nella sua espressività.


6 commenti:

Udo Kier ha detto...

Che colpo!
Ma è così breve perchè lui poi è scappato via?

Complimenti per la qualità delle domande, Mr GParker


Gabriele Niola ha detto...

E' così breve perchè purtroppo era tutto in francese quindi ci vuole il doppio del tempo. Fai domanda e poi l'interprete traduce. Lui parla, poi l'interprete ripete tutto.


Udo Kier ha detto...

E' davvero così francese quell'uomo, da non fare l'intervista in inglese???

A me sembra assurdo


Gabriele Niola ha detto...

Secondo me funziona più che lui arriva in Italia e l'ufficio stampa italiano gli fa trovare l'interprete per il francese (che è logico) a quel punto lui,che pure è francese, parla in francese.


tony ha detto...

Che mito. Visto per caso ieri il profeta (che ci vuoi fare se sono sempre sul pezzo!). Certo che un film brutto non gli riesce nemmeno per sbaglio.


Home Jobs ha detto...

saya sangat suka blog Anda dan saya merasa sangat bermanfaat dan sangat menarik, terima kasih untuk berbagi dengan kami, keep it up


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.