2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

17.10.12

Il comandante e la cicogna (2012)
di Silvio Soldini

PUBBLICATO SU 
L'intento era quello di fare una favola e, come per tutti i film dal tono favolistico, realizzare un ritratto del paese utilizzando il disincanto infantile e bonario, un po' come l'affresco che la pittrice squattrinata e poco opportunista di Alba Rohrwacher realizza per l'avvocato spietato, trafficone e, lui sì, opportunista di Zingaretti: dentro c'è stato messo tutto a forza e l'insieme, altamente disomogeneo, non brilla nemmeno per stile.
Soldini sceglie di andare lontanissimo sia dai film che gli hanno regalato la notorietà, sia dall'ultimo esperimento più melodrammatico e molto riuscito di Cosa voglio di più, per girare una storia dai molti personaggi, con statue che parlano e considerazioni di ordine generale sulla razza italiana di sempre e di adesso. Inutile nascondersi, non è proprio il massimo fin dalle premesse.

Ma se lo spunto promette male il film, forse, è anche peggiore. Perchè quasi il favolismo fosse un alibi in Il comandante e al cicogna non si trova nulla di quel che caratterizza il miglior Soldini, non ci sono i dialoghi fulminanti, non c'è la capacità di indagare personaggi e nemmeno quell'abilità tutta sua di girare apparentemente a vuoto e rendere così il senso di una storia, un mondo o anche solo di un uomo.
Paradossalmente sembra osare di più del solito facendo di meno. Meno in termini di sofisticazione, meno in termini di raffinatezza espositiva e meno anche in cura della messa in scena (la sequenza della corsa furiosa in bici è un gioiello di pessima computer grafica unita a pessimo spunto creativo).

Il regista di Giorni e Nuvole o Pane e Tulipani è irriconoscibile in questo pasticcio noiosissimo e terribilmente contenutista, che attacca tutti e quindi nessuno, che spennella un'italietta in cui si salva solo il passato e si depreca il presente, in cui si accarezzano i numi tutelari e nessun uomo comune.
Cosa sarebbe stato di questo film senza il Mastandrea mascherato da Germi (e con la parlata di Mario Magnotta) o senza il Battiston barbuto anarchico ma acculturato linguista, è materia per documentari d'orrore.

2 commenti:

jeff ha detto...

Mi ha dato l'impressione di un gelato sciolto al sole, moscetto insomma, ma non disprezzabile.


Gabriele Niola ha detto...

secondo me anche disprezzabile


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.