2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

26.10.12

Skyfall (id., 2012)
di Sam Mendes

PUBBLICATO SU 
Genesi, distruzione e restaurazione. Con Skyfall (il titolo è più importante di quel che sembra, lo si capisce a tre quarti del film) giunge a compimento quel percorso di ridefinizione del personaggio di James Bond a partire dalle sue origini, ovvero si completa la trilogia della formazione del nuovo 007, da ora in poi pronto per la canonizzazione.
Accade con un film, uno dei pochi, diretto da una mano pesante e autoriale e fotografato probabilmente dal più audace, interessante e significativo direttore della fotografia attivo ad Hollywood, Roger Deakins. Il risultato conferma le aspettative per certi versi (l'entrata in scena di Bond, con il taglio di luce sull'occhio è non solo bellissimo ma anche perfetto per spiegare il tono del nuovo agente segreto, non più prima le donne e poi l'azione ma viceversa) e per altre si spinge anche oltre (la scazzottata nel grattacielo di Shanghai cita tutte le sigle di Saul Bass in un tripudio estetico e cinetico meraviglioso) ma non riesce a farsi mito nel senso stretto della parola. Immagini straordinarie che non supportate da una storia a livello, faticano ad entrare nel mito e rimanere memorabili.

Skyfall inizia rimanendo aderente allo stile dei film di 007 dell'era Roger Moore, battute un po' forzate in situazioni obbligatoriamente esotiche e particolari (la fossa con il komodo), ma finisce come nessun film di Bond è mai stato, lontano da qualsiasi regola, canone o struttura del genere in una landa da Cane di Paglia.
Del resto è tipico del cerchio bondiano, quando un nuovo attore comincia il suo ciclo il primo film ne presenta le novità e le caratteristiche esclusive, ponendolo al centro e risparmiando in iperboli di scenari e villain (Casino Royale, Goldeneye...). Una volta che il nuovo Bond è noto e stabilito però cominciano le esagerazioni, così cattivi grotteschi e assurdi inseriti in scenari che devono essere sorprendenti a tutti i costi prendono il proscenio e diventano più memorabili delle gesta dell'agente segreto. 
Così accade anche qua. Javier Bardem, minuzioso nella recitazione, raffinato nei movimenti e nel dare mille nuances al suo villain tradizionale, che come Fleming insegna si contrappone a Bond innanzitutto a partire dalla virilità, ruba la scena con la solita performance ineccepibile, ma il film ne risente.

James Bond e l'MI:6 stavolta sono raccontati come il passato che si contrappone alla modernità, il vecchio modo di proteggere la nazione (Martini, donne, macchine, licenze di uccidere gente in giro e abiti su misura) rispetto alle misure più moderne, informatiche e nettamente meno sul campo. Una contrapposizione che si vede innanzitutto dalla maniera "magica" e "deistica" con la quale è ritratta la tecnologia, ma non solo.
Tutto Skyfall è dominato dai discorsi sulla vecchia guardia e la diffidenza nei riguardi del nuovo, un viaggio all'indietro che inizia formalmente (con lo stile Moore) e finisce contenutisticamente, con un vero viaggio alle origini a bordo della vecchia Aston Martin DB5 (perchè Bond ha una vecchia Aston Martin di cui M non sa nulla che è piena di trucchetti??). Ma il ritorno alle origini è una promessa da marinaio, perchè proprio il finale è la parte meno simile al cinema di 007, meno raffinata e più gretta, meno cosmopolita e più ombelicale, meno british e più americana. Un action movie buono ma poco in linea con le caratteristiche esclusive della saga.

2 commenti:

Fabio ha detto...

Il Bond per chi non ama i film di Bond, allo stesso tempo con un'esagerazione di riferimenti alla saga molto complici con lo spettatore.
Per me è un'operazione riuscita: esteticamente è ricercatissimo, e la theme song è un capolavoro cantata con una raffinatezza che oggi non saprei proprio dove andare a cercare. Mi ha davvero lasciato qualcosa, peccato per gli scivoloni che dici tu sulla tecnologia...


Gabriele Niola ha detto...

Si Deakins è pazzescoma il resto mi ha un po' deluso


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.