2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

27.11.12

End of watch (id., 2012)
di David Ayer

PUBBLICATO SU 
Fissatissimo con le storie di poliziotti di Los Angeles, capace di indagarne azioni, volontà, vita privata e confini della violenza, David Ayer voleva girare un found footage movie, categoria di film che solitamente è applicata al genere horror, anche se già Chronicle e (parzialmente) Project X hanno rotto la regola, e invece è finito a girare un ibrido di stili e tecniche diverse.
I protagonisti sono due poliziotti, ripresi dalle camere di servizio (quelle sul cruscotto dell'auto) e dalla videocamera digitale di uno dei due, di servizio a Los Angeles in diversi quartieri, sempre in periferia, sempre in contesti duri. Il film ne racconta la scalata, i successi, le operazioni rischiose ma finite bene al pari della vita privata con figli, matrimoni ecc. ecc. Fino a che non comincia anche a raccontare l'altro lato, cioè l'organizzazione dei criminali per far fuori questi due poliziotti sempre al centro dell'attenzione.

Passando dal suddetto materiale "found footage", a moltissime riprese in soggettiva, fino a normali riprese con macchina a mano, End of watch usa il digitale per cercare l'impressione di realtà, cioè una versione di film più aderente al "probabile". Per certi versi ci riesce, non fosse che la trama spinge molto più del solito sull'agiografico, il patriottico e il manicheo.
Poliziotti buoni, criminali cattivi. Questa volta David Ayer non cerca certo i doppi giochi del noir e nemmeno il rigore secco del poliziesco dalla sceneggiatura precisa, quanto una specie di andamento semidocumentaristico, in cui le operazioni di polizia si susseguono una dopo l'altra, inframezzate da piccoli momenti di intimità domestica che hanno l'esplicito obiettivo di creare affezione verso i personaggi.

Il risultato ha certamente un impatto minore rispetto a La notte non aspetta ma anche rispetto a Harsh Times, tuttavia sa trovare in alcuni momenti (l'incendio della casa o i molti ritrovamenti a sorpresa) un istinto viscerale di cinema violento, nel quale il linguaggio solito è violentato oltre i consueti confini, in cui non ci si cura troppo della comprensibilità dell'immagine o del montaggio rigoroso per andare a dare un'impressione di realtà che passa inevitabilmente per l'imitazione dell'amatoriale.
E' un esperimento molto strano e per certi versi forse nemmeno riuscito ma End of watch, al netto del suo buonismo e della sua trama, è innegabile che cerchi di fare il solito racconto battendo altre strade. 

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.