2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

10.11.12

Paris-Manhattan (id., 2012)
di Sophie Lellouche

PUBBLICATO SU 
Sophie Lellouche vuole fare un film su Woody Allen, che giri intorno ai suoi temi e ne incarni lo spirito ma calandolo nel contesto del cinema leggero francese. Non ne fa mistero e indossando i pani di Woody inserisce la voce dell'attore regista che dialoga con la protagonista da un poster in camera ripetendo frasi famose dei suoi film che si rivelano consigli per la sua vita.
Pessimismo, difficoltà nello stringere rapporti, ebraismo, paura della morte e il cinema come arma per risolvere i mali. La lotta della farmacista protagonista per trovare un marito che si ostina a non cercare, e così raggiungere l'equilibrio sentimentale che desidera, dovrebbe essere la traduzione femminile e francofona delle storie amarissime vissute con grazia e talvolta disperazione di Woody Allen. Almeno così crede Sophie Lellouche e per dimostrarlo gira un intero film.

In realtà di alleniano Paris-Manhattan ha proprio poco se non la patina più immediata, quella superficie fatta di aforismi e ambientazioni giudaico-borghesi-intellettuali. La promessa del titolo, cioè di avvicinare Parigi a Manhattan (la città e il film) è totalmente tradita, tra cinema francese e cinema alleniano vince in toto il primo e del secondo non v'è traccia alcuna.
Il che sarebbe anche un bene, che Sophie Lellouche abbia fatto un film autonomo e personale non può che essere meglio di una scialba imitazione. Peccato che il film in questione, alla fine, non sia granchè ma una storiellina narrata con i toni leggerissimi del cinema romantico spensierato francese, quelli per i quali la città sembra un paesino e l'aiuto di amici e conoscenti risolve ogni asperità nella dolcezza.

In Paris-Manhattan film di Woody Allen curano i malanni, trasformano ladri in gentiluomini, risolvono problemi d'amore, cambiano la vita ai protagonisti e non sono capiti solo dalle parti più grigie della società. Eppure dell'idea principale dietro la visione d'amore propugnata da quel cinema, un'idea che è ripetuta ed esplicitata anche in Paris-Manhattan (cioè che alla fine i meccanismi dell'attrazione e la chimica tra coppie siano imperscrutabili e inconoscibili per definizione e "basta che funzioni") sembra totalmente tradita dal film nell'atto stesso di affermarla. Un'idea che da sola rinnega e mantiene la distanza dalla commedia romantica tradizionale, quella in cui una coppia le cui metà sono perfette l'una per l'altra è destinata a stare insieme nonostante le difficoltà, è affermata proprio mentre i due protagonisti belli e compatibili sono uniti da Allen stesso. Mah....

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.