4.12.12

Troppo amici (Tellement Proches, 2009)
di Eric Toledano e Olivier Nakache

Share |

PUBBLICATO SU 
Ricordate Quasi amici? Per evitarci la fatica di tenere a mente i nomi dei due registi francesi e dell'attore principale (che sono ben tre e in una lingua ostica) così da confrontarli con quelli di Tellement proches e scoprire che sono gli stessi, i nostri amici della Moviemax hanno deciso di tradurre il titolo originale "Così vicino" in Troppo amici. Così capiamo tutti. 
Un dettaglio da nulla: nel processo di feroce adattamento sembra che questo film sia il seguito dell'altro, in realtà è quello precedente, di almeno due anni, mai uscito da noi ma evidentemente giacente nella libreria Moviemax.

La storia è stavolta corale, ci sono molti personaggi, molti dei quali parenti. Le famiglie principali sono due, unite da un matrimonio. Una è formata da un fratello e due sorelle attaccatissimi (i "così vicini" del titolo), l'altra è formata da un padre eterno ragazzino e un figlio bambino comicamente irrequieto ai massimi livelli (anch'essi a modo loro "così vicini" ma si scopre alla fine). Di personaggi "troppo amici" non se ne vedono.
La sorpresa è che questo titolo precedente è nettamente migliore di Quasi amici!
Privo com'è del buonismo, dell'etica scaldacuore e del politicamente corretto del film milionario questo non poteva assolutamente segnare il successo di Toledano e Nakache come ha fatto la storia del ricco paraplegico e del vitale poveraccio, tuttavia è dotato della rara capacità di creare uno spazio irreale di comicità pura, un universo coerente in cui ogni elemento della messa in scena, grazie all'accumulo, scatena una nuova risata.

Toledano e Nakache sanno gestire i molti personaggi, li calibrano, li introducono dosandoli con ordine,  soprattutto fanno in modo che non si rubino mai la scena a vicenda. Sono il padre e il figlio i veri protagonisti, e non è possibile dimenticarlo neanche quando gli eventi portano gli uni a risiedere nelle case degli altri, mescolando le coppie e gli abbinamenti in un crescendo comico che coinvolge pakistani ed ebrei apparentemente estranei alla trama.
Disegnando un'umanità iperbolica nel suo inseguire le pulsioni elementari (divertimento, denaro, successo, sesso) Troppo amici riesce a dire qualcosa di più sincero di quel che non si creda, di più onesto e credibile di Quasi amici e soprattutto di più simile a quel linguaggio che utilizza il cinema, quello dell'esagerazione propria della lente puntata su una piccola realtà, in modo da ingrandirla così tanto che risulti comprensibile a tutti.

0 commenti: