2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

8.5.13

L'uomo con i pugni di ferro (The Man with the iron fists, 2012)
di RZA

PUBBLICATO SU 
Attore, produttore, scrittore, regista e compositore della colonna sonora, RZA per il suo L'uomo con i pugni di ferro ha fatto tutto e di più. Il film, si può dire è a tutti gli effetti una creatura da lui cresciuta  dall'inizio alla fine. Peccato allora che più che un bel film sia un delirio di onnipotenza, una lunga velleità frutto della passione per diversi generi (la serie B tarantiniana a metà tra blaxpoitation e cinema d'arti marziali orientale) ma non dell'abilità cinematografica nel fonderli e rimetterli in scena in termini moderni.

La storia incrocia il western (lo straniero che viene da un'altra città) con il gangster movie (i clan), in uno scenario da gong fu pian che ha al centro un protagonista di colore e musica black. L'impressione costante però è che questi elementi non si fondano bene, che la mescolanza crei dissonanza e non armonia, l'esempio perfetto sono le molte sequenze d'arti marziali ben coreografate, sottolineate da musica hip hop senza che davvero video e audio si fondano con piacere. 
L'uomo con i pugni di ferro non è una brutta copia tarantiniana in virtù del tipo di cinema che rielabora (quello ormai lo fanno in tanti) ma perchè cerca in ogni momento il piacere della messa in scena, la goduria del poter realizzare un film con gli ingredienti amati e quella caratteristica tipica del regista di Pulp Fiction di prolungare questo piacere, cioè di tirare avanti le scene come in un delirio godurioso. Solo che in L'uomo con i pugni di ferro non c'è goduria.

Si potrebbe dire che dalla visione del film si esce avendo capito ancora di più la grandezza di Tarantino (che con gli stessi ingredienti confeziona cinema altissimo, capace di partire dai propri piaceri per arrivare su terreni completamente diversi) ma in realtà si esce solo un po' annoiati e sfiduciati riguardo le contaminazioni tra occidente e oriente al cinema.
Lucy Liu, Russel Crowe e una lunga serie di attori imprescindibili del cinema orientale non fanno la differenza, la colonna sonora del Wu-Tan clan non fa la differenza e nemmeno l'indiscutibile determinazione di RZA nel ruolo protagonista la fa. L'uomo con i pugni di ferro naviga per più di due ore nelle acque della noia.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.