2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

18.5.13

The Bling Ring (id., 2013)
di Sofia Coppola

FESTIVAL DI CANNES
UN CERTAIN REGARD

PUBBLICATO SU 
Già sulla carta la storia, vera, di un gruppo di ragazze di ottime famiglie losangeline che entrano nelle case delle star quando sanno che queste sono in altre città per rubare oggetti di moda, sembra un soggetto pronto per Sofia Coppola, ma lo stupore vero è quanto la regista sia riuscita a tramutare un fatto di cronaca in un film, senza cedere un passo dal proprio stile (che poco ha di narrativo) e trovando la vera chiave di lettura di tutta la faccenda. 

 Partendo infatti dalle interviste ai protagonisti la Coppola costruisce delle psicologie (forse aderenti alla realtà delle cose, forse no, non importa più) e imbastisce una storia in cui emerge non tanto il ritratto desolante di ragazze totalmente vittime della moda e di stili di vita al di sopra del loro già alto tenore, quanto un’idea fragile e toccante di amicizia e una ricerca d’affetto confusa e tenera, tipica dell’età in questione ma anche esasperata dal contesto.

 Sofia Coppola alterna la storia, alla ricostruzione delle interviste ai protagonisti fatte dalla giornalista di Variety dal cui pezzo tutto è partito, alle immagini di repertorio delle star derubate e delle notizie ai telegiornali. 
A sorpresa però la narrazione è lasciata alle suddette immagini di repertorio, mentre il materiale girato per il film procede di “quadro” in “quadro” senza che ci sia un intreccio, senza che i personaggi siano presi in una trama. E’ solo un’escalation di furti comandata da Rebecca ed eseguita dagli altri a diversi livelli di partecipazione e mania compulsiva. 

 Ovvero quel che accade è che la parte di repertorio del film è quella che svolge la funzione “fictional” di intrecciare gli eventi, mentre quella di finzione cerca di documentare le persone dietro tutto questo, o meglio la visione che Sofia Coppola ha di quest’ambiente e di quel tipo di relazioni personali che sono anche relazioni sociali, traslato attraverso questi personaggi reali. 
 Sembra insomma che in ogni momento la regista dica: “Lo so io che gli passa per la testa a questa gente, perché agiscono così, in base a quale codice e con quali aspirazioni”. 

 Una particolare fascinazione sembra però provarla per Nicki, il personaggio di Emma Watson, il più complesso, divertente e stratificato, il più feroce e assurdo, per cui paradossalmente il più vero. E questo soprattutto grazie ad Emma Watson, bravissima a rendere una gamma di espressioni calibrate e significative con una misura impressionante.

2 commenti:

Esponja88 ha detto...

La Coppola non ha "costruito psicologie", ha costruito macchiette. Non c'è uno solo dei personaggi (tranne, in maniera comunque stereotipata e superficiale, quello maschile) che sia indagato con un briciolo di profondità, al di fuori delle solite banalità sociologiche un tanto al chilo che saltano fuori automaticamente quando si parla di storie simili (materialismo, dominio dell'immagine, mancanza di valori, bla bla bla).
Il personaggio della pur brava Watson poi è quello più caricaturale di tutti: la solita stronzetta affamata di notorietà.
A me resta l'impressione di non aver visto un film ma una fotografia. Bidimensionale e dai confini ristretti. Forse era proprio questa l'intenzione, boh.


Gabriele Niola ha detto...

Secondo me no. C'è un modo di mettere in relazione i personaggi che è molto peculiare e significativo, tu li vedi come macchiette ma in realtà la maniera in cui si relazionano li definisce molto. C'è questo modo di raccontare gli esseri umani, così desaturato, così anestetizzato da tutto che è il contrario di quel che dici.


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.