2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

7.6.13

The bay (id., 2013)
di Barry Levinson

PUBBLICATO SU 
Anche Barry Lenvinson, da buon ultimo, approda al found footage movie e lo fa cercando di fonderlo con il fintodocumentario, realizzando una specie di reportage narrativo, in cui la protagonista, a fatti svolti, ricostruisce l'avvenuto mostrando e commentando molto materiale "amatoriale" rinvenuto a margine della catastrofe.
Si parla di una strage in una cittadina lacustre da parte di una nuova specie letale mutata in seguito a disastri naturali, ecologici e radioattivi (tutto insieme, davvero) causati ovviamente dall'uomo. Videomessaggi, telefonate skype, materiale a circuito chiuso, servizi televisivi ecc. ecc. Tutto unito in un grande raccordo e contrappuntato dalla protagonista che precisa, spiega e crea tensione verso quel che accadrà.

La scelta del found footage è come sempre una di realismo e di indagine delle nuove forme di produzione video, cioè come le nuove tecnologie video che riempiono la quotidianità possano creare un racconto delle singole vite attraverso storie da cinema. Eppure in The bay non c'è mai quella svolta appassionante che il found footage trova nè quelle caratteristiche di indagine dell'immagine che sono proprie del genere.
Il regista di Rain Man sembra non poter non orbitare intorno ad un cinema consueto e orchestra un film corale seguendo le varie storie un pezzo alla volta, passando tra l'una e l'altra di continuo, mentre cerca di spiegare allo spettatore quale sia la minaccia e come sia nata. Tuttavia la sua attenzione è più tesa a rendere plausibile e chiaro il tutto che a renderlo minaccioso. E' insomma più Redacted (senza quella spietata inesorabile novità) che Paranormal activity (Oren Peli è tra i produttori).

Facce sventrate, corpi dilaniati, qualche colpo ad effetto e animali schifosi sono le sue armi e non quel senso di violazione della quotidianità che il found footage migliore riesce a creare, nè si fa forza di un'altra caratteristica affinata dal cinema fatto come video amatoriale (specie da Rec e Cloverfield), cioè che chi inquadra spesso mostra le cose "sbagliate" o non mette a fuoco quel che un regista sceglierebbe di guardare, frustrando lo spettatore e aumentando la suspense, poichè la parte importante viene negata.
Privo di una visione chiara del genere scelto il risultato è cinema molto molto moscio.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

hey there and thank you for your information –
I've certainly picked up anything new from right here. I did however expertise several technical issues using this website, as I experienced to reload the site many times previous to I could get it to load correctly. I had been wondering if your hosting is OK? Not that I'm complaining, but slow loading instances times will very frequently affect your placement in google
and could damage your high-quality score if ads and marketing with Adwords.
Anyway I am adding this RSS to my e-mail
and could look out for much more of your respective fascinating
content. Ensure that you update this again very soon.


Feel free to surf to my web blog - Diet plans


Anonimo ha detto...

Very good information. Lucky me I came across your website by chance (stumbleupon).
I have saved as a favorite for later!

Feel free to visit my web page - bmr calculator online


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.