2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

6.6.13

After Earth (id., 2013)
di M. Night Shyamalan

PUBBLICATO SU 
M. Night Shyamalan è forse uno dei più grandi talenti sprecati dell'industria cinematografica. Emerso alla grande con due film sorprendenti e animati da una passione per il cinema spielberghiano migliore, come Il sesto senso e Unbreakable, il regista di origini indiane si è poi perso per strada, finendo preda di una scrittura (la propria) che affossa i film dietro metafore insistite, risvolti pietosi, dialoghi inconsistenti e un continuo ripresentarsi di semplicismi in grado di fiaccare anche le più grandiose idee di regia che continuano a puntellare, pure negli esempi peggiori, le sue produzioni.
After Earth è il primo film da anni in cui questi danni sono limitati, in cui Shyamalan al netto di diverse concessioni alla sua scrittura infelice, si concentra molto di più sull'azione che sul dialogo, ovvero su ciò che accade più che su ciò che si dice.

E' la storia di un padre e di un figlio, naufragati sul pianeta Terra (ormai disabitato) in cui il secondo dovrà compiere un viaggio rischiosissimo mentre il primo lo guiderà (poichè infermo) attraverso monitor e visori. Padre e figlio sono Jaden e Will Smith e tutta l'operazione può essere letta come la volontà del secondo di spingere il primo nel pantheon del cinema che conta, utilizzando se stesso come richiamo ma mettendo poi lui in primo piano (Will recita praticamente da fermo, con un'esperienza, un mestiere e un controllo espressivo che decisamente non possiede). Tuttavia la parte più interessante non è questa quanto quella riguardo la paura.

Il soggetto viene dallo stesso Smith e non è certo esente da pesanti riferimenti a Scientology, tuttavia è anche indubbio che nelle mani di Shyamalan questa materia diventi un modo coinvolgente di raccontare qualcosa di molto semplice.
Il ragazzo deve andare da A a B, da un punto all'altro di una zona pericolosa, deve affrontare mille insidie ma soprattutto le proprie paure interiori e il modo in cui Shyamalan le proietta all'esterno è magistrale. Ci sono serpenti che richiamano la fobia del buio, ci sono branchi di scimmie che richiamano il terrore di non essere accettato e una straordinaria aquila (che peccato per la CG così povera!) che lo insegue dall'alto come lo spettro delle proprie colpe.
Il tutto condito con quelle trovate di regia e quell'abilità che non si può non riconoscere a chi riesce quasi a ricordare il Solaris di Tarkovsky con un bacio di risveglio improvviso da parte di un'allucinazione.

Certo poi molto di After Earth è massacrato da un generale semplicismo (nell'inizio e nel finale soprattutto) e da una ferma volontà di appiattire ogni minimo elemento innovativo con battute oscene, in modo che il film a più di tanto non possa aspirare. Elementi che probabilmente renderanno comunque After Earth indigesto a chi non sia dotato di un'incrollabile voglia di crede nella resurrezione di Shyamalan.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

M. Night Shyamalan nella sua carriera ha prodotto tanta spazzatura noiosa e pretenziosa ed un filmetto passabile come il sesto senso, che non mi sono potuto godere essendo per sbaglio entrato in sala mentre proiettavano il finale (prima di aver visto il film). Non capisco perchè alla luce di questo singolo guizzo, che non è neanche un granchè, gli si continui a dar fiducia (e soldi). Sarà che questa scarsa stima che ho nel regista si accompagna all'idiosincrasia che nutro verso Will Smih, ma credo di non fare danno evitando di spendere soldi per quest'ennesimo scempio alla fantascienza che Shyamalan ci regala dopo Signs (ma perchè cavolo vai a invadere un piantea fatto al 70% d'acqua se muori al contatto con essa? Voler spiegare questo come provvidenza divina è veramente un insulto allo spettatore).
Scusa lo sfogo...


Eric Cartman ha detto...

caro anonimo ti dò ragione :)


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.