2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

23.10.13

Questione di tempo (About Time, 2013)
di Richard Curtis

PUBBLICATO SU 
In questa perla di film Richard Curtis riesce in due miracoli: il primo è raccontare una storia realmente sentimentale attingendo ad un repertorio solitamente fallimentare che oscilla tra il romanticismo dichiarato e il buonismo familiare, senza mai rendere questi due elementi indigesti ma anzi donando l'illusione di un impossibile realismo umano, il secondo è rendere l'uso in chiave romantica e strappalacrime di Il mondo di Jimmy Fontana un momento per nulla kitsch, anzi realmente commovente (no dico: Il Mondo di Jimmy Fontana!).
Tra queste due componenti del resto oscilla tutto Questione di tempo, smielato ma mai kitsch, capace di rinnovare e nobilitare la materia più bassa attraverso un'inedita e disarmante onestà sentimentale.

Dopo decenni di perfezionamento Curtis (che aveva iniziato scrivendo film originali e di successo come Quattro matrimoni e un funerale e Notting Hill e lavorando con Rowan Atkinson a mr. Bean) pare essere giunto alla punta massima del suo cinema. 
Questione di tempo prende uno spunto da fantascienza (nella famiglia del protagonita gli uomini sono capaci di viaggiare indietro nel tempo ad ogni momento della loro vita), ridicolizzando quel genere (non solo non importa a nessuno il perchè ma tutto quello che viene fatto con questa potenzialità è il massimo dell'antiscientifico e antiavventuroso) ed esaltando una dimensione dimenticata di questo genere (almeno dai tempi di Peggy sue si è sposata), per l'appunto quella sentimentale.

Tim viaggia nel tempo per aggiustare la sua vita e come sempre in questi casi non fa che complicare tutto (lo abbiamo già visto accadere in La ragazza che saltava nel tempo di Hosoda, lungometraggio d'animazione che ha più d'un punto in comune con Questione di tempo). Diversamente dal solito però il film si stanca molto presto della novità dei viaggi nel tempo e di questa storia comincia a prediligere le piccolezze ordinarie, passando dal concetto di viaggiare nel tempo per aggiustare il futuro a quella di recuperare il tempo perduto. Una banalità che, nelle mani di Curtis e nella fotografia straordinaria di John Guleserian (chi ha visto Here di Spike Jonze ancora ha negli occhi i suoi controluce), diventa materia semplice e profondissima, efficace e seria per mostrare quello che in ultima analisi è il bersaglio mancato da moltissimo cinema: la condanna inesorabile che è lo scorrere del tempo.

Affrontando la storia di un ragazzo nell'arco di una 15ina d'anni Curtis non tocca il tema dell'invecchiamento (il vero tema non riconosciuto di almeno un quarto dei film che vediamo al cinema) ma giocando con il tempo riesce a rendere in maniera rinnovata ed efficace l'avventura straordinaria della più banale e meno interessante delle vite. A far questo ci aveva provato già in passato ma la sua tendenza a guardare al sentimentalismo mettendone in luce il meglio invece che il peggio come solitamente si fa, cioè le gioie invece che le tragedie, era sempre sfociata in una melma insensata di sorrisetti complici, ralenti ruffiani e piccinerie da prima serata televisiva.
In Questioni di tempo per la prima volta questo grandissimo scrittore per lo schermo ha il cinema vero a coprirgli le spalle, spianargli la strada e proteggerlo. Ed è tutto un altro paio di maniche.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.