2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

7.11.13

Un weekend da bamboccioni 2 (Grown ups 2, 2013)
di Denis Dugan

PUBBLICATO SU 
Davanti a Un weekend da bamboccioni e anche a questo sequel è facile chiedersi che senso abbiano film simili, chiedersi cioè non tanto perchè vengano visti (tutto quel che è etichettato come cinema per la famiglia viene visto) ma perchè vi prendano parte attori e comici che da altre parti hanno dimostrato di poter aspirare a qualcosa di diverso e nettamente migliore come freschezza e anche autostima. La risposta l'ha data Salma Hayek, sostenendo che ormai fa solo film molto piccoli o che sono operazioni familiari in cui coinvolge i suoi figli e altri attori i cui figli sono amici dei suoi e possono stare tutti insieme e divertirsi. Verrebbe da chiedere: "E noi?".

Un weekend da bamboccioni 2 prende la premessa del primo film (ci sono 4 famiglie in cui i padri sono più ragazzini dei figli che passano del tempo insieme e si fanno male in vario modo) e la porta nei giorni di vacanza americani, sempre nel contesto delle regioni dei pini e delle feste, con in più un'iniezione di conflitto generazionale.
Se infatti i figli sono bonariamente blanditi dai padri (che poi fanno le cose peggiori) e le mogli hanno dei momenti per loro, rigorosamente separate per genere e tipo di umorismo (solo nel finale di uniscono), sono invece gli adolescenti (cioè i figli degli altri) ad essere presi letteralmente di mira, ma letteralmente, cioè proprio menati dai più grandi in una grottesca rissa finale.

Nel cinema di Adam Sandler (che è il portabandiera dell'operazione) è da sempre insito un conservatorismo che cresce al suo invecchiare, una rievocazione delle tradizioni familiari americane e una critica dei tempi moderni abbastanza generica, finalizzata più che altro alle ironie più semplici.
Una volta era un comico molto potente, nel senso di fisico, non troppo inventivo ma capace di rompere tutti gli schemi e così far ridere, ora è incapace di muoversi da quella dimensione ed è rimasto un uomo di mezza età che sogna di essere il comico che era e mette in scena tutto questo in un film in cui, assieme ad altri colleghi, interpreta un uomo che vuole comportarsi come un ragazzo.
Tutto molto interessante per il suo analista. Meno per noi.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.