2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

5.11.13

Zoran, il mio nipote scemo (2013)
di Matteo Oleotto

Nelle pieghe di Zoran, il mio nipote scemo sembra di intravedere un film americano indipendente, stile Sundance. Il tono da provincia, i personaggi curiosi e dotati, la stranezza eletta a regola e i comici contesti paradossali sembrano rimandare a film come Little Miss Sunshine et similia, cioè quel tipo di cinema che mette in scena il non ordinario, lo strambo e il deviante per riportarlo nell'aura dell'ordinario, per dimostrare quanto, in fondo, anche il diverso sia in fondo normale.
Nel triestino un beone derelitto viene a sapere che una zia slovena mai sentita lo ha menzionato nel testamento, si reca in loco e scopre che non ci sono soldi, solo un nipote che pare autistico da tenere per 5 giorni. Riportatolo in Friuli scopre che è bravissimo con le freccette e medita di sfruttarlo per far soldi iscrivendolo ai campionati mondiali. 

Il fatto è che il burbero zio beone con una vita piena di casini ha un rapporto burrascoso con il timido e introverso nipote sloveno, entrambi sono dei soggetti inabili alla vita civile, uno troppo irascibile, incasinato e burrascoso, l'altro troppo timido, insieme però conquisteranno la normalità a suon di tenerezza fuori dai canoni. Ed è proprio questa quella dimensione tra la commedia scaldacuore e il melò familiare che Oleotto sembra rubare al cinema indipendete americano, proprio la sua componente meno sopportabile, per inserirla nel contesto degli ubriaconi friulani. 
E' indubbio che il film contenga un po' di momenti obiettivamente divertenti ma non si può passare sopra una recitazione gestita malissimo (c'è chi va da sè, rendendo un po' meno del solito, come Battiston e chi è proprio un disastro) e un ritmo totalmente assente.

Se Zoran è una commedia manca di dinamismo, invenzioni, potenza e forza d'urto. Se è un simpatico film scaldacuore non lo scalda molto nè lo fa con il garbo necessario quando si gestisce la melassa. Se è un film che mira a mettere in scena un contesto quasi mai raccontato (la provincia friulana) e i rapporti inconsueti che intrattiene con la limitrofa Slovenia è proprio un disastro.

5 commenti:

Flavia ha detto...

E dai, diciamolo ... la ragazzina bionda recita malissimo!


Gabriele Niola ha detto...

Agghiacciante


Marco ha detto...

Scusami ma allora le file a Venezia! i minuti di applausi e i vari premi in giro per l'Italia significano che erano tutti ubriachi?


Gabriele Niola ha detto...

A mio parere questo tipo di film (e vale anche per molto indie americano) tende a piacere, ha un modo di fare sottilmente ruffiano che conquista con poco. Con personaggi adorabilmente fallati, facendo appello alla nostra inguaribile passione per i perdenti che in realtà non sono perdenti.


Marco marangon ha detto...

Grazie...apprezzo


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.