2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

5.12.13

American Hustle - L'apparenza inganna (American hustle, 2013)
di David O. Russell

PUBBLICATO SU 
Probabilmente è stato il successo di Argo a sbloccare la sceneggiatura di Eric Singer intitolata "American bullshit" che da tempo attendeva di diventare film, non a caso era Ben Affleck il primo in lizza per realizzarla. Quando invece è arrivata a David O. Rusell, la storia è diventata American Hustle e si è arricchita della componente autoironica che ne determina quasi interamente la riuscita.
Si racconta di una vera operazione dell'FBI, chiamata Abscam, che mirava a truffare una serie di mafiosi e uomini politici per metterne a nudo gli impicci. Per farlo il federal bureau costrinse due tra i più brillanti, abili e inacchiappabili truffatori d'America a lavorare per il governo.

Utilizzando per il 90% attori dei suoi ultimi film (Amy Adams, Christian Bale, Bradley Cooper, Robert De Niro e Jennifer Lawrence) David O. Russell confeziona uno dei suoi film migliori. Rispetto alle pretese smisurate (e senza senso) di The Fighter o alla parabola sempliciotta e scaldacuore di Il lato positivo, American Hustle utilizza quei medesimi attori per raccontare la forza del falso, della menzogna e della messa in scena (non sfugge che quindi dietro metafora parli anche del cinema) al pari dei limiti e degli abissi dell'inganno ma tutto a partire dalle debolezze umane (che è il tema più ricorrente dei suoi film).
Più divertente a vedersi che a dirlo, American Hustle rigetta subito il modello "stangata" (la quintessenza del film di truffe, specialmente se in costume) per costruire una serie di ritratti umani e farli scontrare. Alle truffe vere e proprie (che non sono mostrate con la goduria pornografica con cui solitamente il cinema le esplora) American hustle predilige infatti il vortice in cui prendono i protagonisti e come falsino i loro rapporti.

Ad elevare però questo film un po' sopra le consuete parabole ruffiane del regista (non che non lo sia anche questa decisamente più godibile) è la prospettiva scelta. American hustle ride molto dei suoi personaggi e utilizza elementi solitamente sottosfruttati come trucco e costumi come generatori di ironia per prendere così le distanze dalla storia. Il senso del grottesco ridicolo passa per riporti, riccetti, pelliccioni, ridicoli vestiti da gran sera e dall'eccesso di cura dell'ostentata moda anni '70, trovando anfratti inediti d'umorismo.
Ma oltre a questo stavolta la strategia tipica di David O. Russell di basare gran parte della messa in scena sugli attori arriva ad un livello nuovo di efficacia. Effettivamente i 4 protagonisti sembrano più in forma che mai e regalano senza dubbio la loro prestazione migliore degli ultimi 10 anni (non che fosse difficile se non per Jennifer Lawrence). 

Sebbene la scelta di andare avanti e indietro con il tempo della storia non sia il massimo (diventa quasi una forzatura ad un certo punto e pare un mezzuccio per ingarbugliare ad arte l'intreccio della truffa e farlo comparire più complesso di quanto non sia) il connubio riuscito tra 4 grandissime prestazioni e una regia che si appoggia in toto ad esse, regala dei momenti come la lunga sequenza in discoteca tra Amy Adams e Bradley Cooper o gli straordinari piani d'ascolto di Christian Bale in tutta l'ultima mezz'ora che lasciano intuire la forza dell'idea di cinema che Russell non riesce sempre a mettere sullo schermo. Volti, espressioni e attimi che, come un effetto 3D subitaneo, donano una profondità immediata anche per il più canonico dei film su realtà e finzione.

1 commento:

cooksappe ha detto...

paura


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.