2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

10.12.13

Un fantastico via vai (2013)
di Leonardo Pieraccioni

PUBBLICATO SU 
Quando arrivò Leonardo Pieraccioni, a suo modo, era una ventata abbastanza fresca nel panorama della nostra commedia. Senza deviare eccessivamente dalla tradizione proponeva film scaldacuore, romanticoni con un incedere comico superiore alla media del genere e più vicino per l'appunto ai film di comici. Ossessionato dal tema del contrasto tra provincia e grande centro, ossessionato dalla figure tipiche dei paesi e da quelle dinamiche anche sentimentali, navigava nella stessa categoria di Massimo Troisi ma in maniera più superficiale e facile, e così facendo riuscì ad imbroccare successi straordinari di pubblico (accompagnati da una certa benevolenza critica) da cui non è mai più uscito.
Come in una condanna dantesca da quel momento ripete ad oltranza se stesso noncurante del procedere dell'età.

Un fantastico via vai in teoria affronta proprio questo, il mutato stato di un 50enne che fino ad ora ha rifatto sempre il medesimo film che aveva girato a 30 (quasi sempre con gli stessi amici ma sempre con una donna differente), facendo compiere al proprio personaggio, che non ha sempre lo stesso nome ma di fatto è sempre la stessa persona, un grottesco e ridicolo percorso all'indietro: mollato dalla moglie va a vivere con degli universitari ambendo a rivivere la propria giovinezza. L'impressione del riavvolgersi della pellicola è poi confermata dal fatto che venga citata la scena più famosa del suo primo film (anch'esso a tema universitario) I laureati.
Peccato che nè il personaggio nè Pieraccioni stesso sembrino notare la componente grottesca di tutto ciò.
Un fantastico via vai infatti è un film in cui il protagonista funge da buon padre di famiglia / fatina turchese per i comprimari studenti, piomba nelle loro vite a dargli uno scopo, una regolarità e risolvere quegli imbuti che impediscono ad ognuno di loro di crescere, ma seriamente, con autentico coinvolgimento e oneste intenzioni.

Solo che gli studenti che ritrae 18 anni dopo I laureati somigliano pochissimo a quelli veri (o anche a quelli veri di 18 anni fa) e molto a quelli di Universitari di Federico Moccia. Cosa che non dimostra uno scarso attaccamento alla realtà quanto uno scarso impegno nel fare un film (come se ci fosse ulteriore bisogno di dimostrazioni).
Un fantastico via vai è un film che sostanzialmente non fa ridere ma nemmeno si impegna troppo a cercare di far ridere, innamorato com'è dei "bei giovani" e dei sentimenti migliori e più annacquati. Se i primi film di Pieraccioni avevano impennate sentimentali goffe ma (in teoria) stordenti, Un fantastico via vai smette definitivamente anche quell'abitudine, verso un deserto totale. Dopo la risoluzione dei conflitti all'acqua di rose dei comprimari infatti non c'è nemmeno una vera catarsi del protagonista che rientra all'ovile senza troppa enfasi. Semplicemente non c'è nulla.
Come se affannato dal voler correre dietro al gusto del pubblico ne rappresentasse la versione distorta che la televisione e i prodotti di maggiore successo vomitano, pare che non abbia mai incontrato un essere umano ma ne abbia esperienza unicamente attraverso visioni televisive.

2 commenti:

Dantès ha detto...

non l'ho mai sopportato, con il suo buonismo, la sua ripetitività, la sua troppa Toscana. come scrissi qualche anno fa, mi sembra Francesco Nuti post cura Ludovico...


Gabriele Niola ha detto...

eppure inizialmente era innocuo ma decente.


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.