2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

14.5.14

Devil's Knot (id., 2013)
di Atom Egoyan

PUBBLICATO SU 
Si respira l'aria migliore, quella di Prisoners, in Devil's Knot, solo che invece che volare su storie inventate e personaggi paradigmatici, potendosi permettere il lusso di inventare una trama spiazzante e funzionale alle proprie idee, Atom Egoyan racconta un fatto vero, la vera inchiesta seguita al ritrovamento di una serie di cadaveri di bambini. Testimonianze assurde, incastri, un mistero inestricabile su cosa sia accaduto realmente, prove inquinate, incompetenza e pregiudizi, c'è tutto nella vera storia e Devil's Knot lo mette su pellicola, cercando di rendere al realtà plausibile.

Il lavoro di Egoyan infatti non è la classica discesa nel fango per comprendere al meglio il male, è più uno sguardo dall'alto, senza sporcarsi le mani ma con la curiosità dell'entomologo: cercare realmente di capire cosa succeda in situazioni simili. Attraverso il personaggio di Colin Firth capire i perchè e se non altro fare lo sforzo di battersi per l'impossibile obiettivo di trovare un senso nel caos degli eventi.
Il vero dettaglio che distingue il film però è come nel passare attraverso la palude delle assurdità che hanno tempestato la vera storia, Devil's Knot ha la freddezza necessaria a non girare mai lo sguardo di fronte alle maggiori asperità, alla violenza più turpe e ai dettagli macabri.

Solo incidentalmente infatti il film tocca i territori di Un gelido inverno, ovvero l'orrore del contesto della provincia centroamericana, il connubio di ignoranza redneck e abitudine alla violenza. Il suo specifico sembra stare in quelle inquadrature sempre lontane, le panoramiche e nella maniera in cui indugia sul suo protagonista (sempre Firth). Spesso vediamo i personaggi visti dal punto in cui siede lui (che non è avvocato e non può assistere alle udienze se non dal pubblico), o vediamo il controcampo del suo sguardo e delle sue espressioni quando vengono rivelati particolari determinanti, perchè in ultima analisi non è la storia delle vittime e dei carnefici ma la lotta di una brava persona contro un magma inestricabile di schifo che peggiora sempre di più.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.