2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

31.8.14

In the basement (Im Keller, 2014)
di Ulrich Seidl

FUORI CONCORSO
MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA

PUBBLICATO SU 
Ulrich Seidl è un cineasta aguzzino, un demiurgo senza pietà per gli uomini o un Dio infame con le proprie creazioni, bieco oppressore di protagonisti che nei suoi film sono vessati e maltrattati meritando le pene peggiori. Questa volta si dedica però ad un documentario, le cui immagini plasma come un film di finzione. 
Delle cantine di mezza Austria che il regista ha scandagliato, girato e selezionato accuratamente per mostrare solo le cose più estreme e dure si trova il rimosso, l'immostrabile e l'assurdo. Il normale non interessava a Seidl, lui tra le migliaia di cantine austriache voleva far vedere solo quelle oscure, corrispondenti a quella parte degli uomini che si sfoga sottoterra eppure (mistero vero del film) accetta di essere mostrata davanti alla videocamera a volto scoperto.

Le storie sono reali, i protagonisti sono reali e i dialoghi spontanei ma molto c'è anche di "messo in scena", cioè è palese (e il regista non lo vuole nascondere) che in più momenti è lui ad averli posizionati. Le loro storie sono autentiche ma le pose, le "scenette" e le composizioni delle inquadrature sono create ad arte e non a caso sono meravigliose.
Il campionario d'umanità che si ricava è incredibile e non di rado si sofferma sulle corporature forti (grande ossessione del regista). Si va dagli appassionati d'armi con un poligono sotto casa propria, ai musicisti, ai feticisti, ai nazisti (senza neo), ai sadomasochisti fino ad una signora in vestaglia e gambaletto lento sulle caviglie che con molta cura ogni sera scende nella cantina ricolma di vecchi scatoloni ed oggetti dimenticati e da una scatola estrae un bambola di neonato, così perfetta e tenuta in braccio con tale delicatezza che il dubbio sul fatto che sia reale genera una repulsione mostruosa.

Im Keller è un documentario nel pieno dello stile di Sacro Gra, che scandaglia l'assurdo a partire da un luogo preciso, che ne ride molto e che sembra proporsi di mettere in scena quella parte di razza umana che non conosciamo, non vediamo, non frequentiamo e (in questo caso) si nasconde. A differenziarlo dal lavoro di Rosi c'è l'approccio (come già detto Seidl li posiziona davanti alla videocamera mentre Rosi catturava tutto come accadeva) e lo sguardo, non gentile e partecipe di un mondo di freak ma aspro e sprezzante. Se i protagonisti dei suoi film di finzione sono fustigati questi protagonisti del documentario sono guardati senza pietà, mostrando le parti meno rassicuranti della loro personalità senza alcun intento bonario ma con una sana e liberatoria cattiveria verso il genere umano.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.