2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

30.10.14

Confusi e felici (2014)
di Massimiliano Bruno

PUBBLICATO SU 
Lo si attendeva al varco Massimiliano Bruno dopo l'esordio sorprendente di Nessuno mi può giudicare (commedia ben ideata, ben scritta e realizzata, se non bene, almeno con cura), perchè il secondo film, Viva l'Italia, era un progetto così scombinato e iniettato d'ideologia più che di idee da costituire un caso a sè. Confusi e felici, al pari di Nessuno mi può giudicare ha un canovaccio semplicissimo e molto tradizionale (ad uno psichiatra viene diagnosticato un male che lo butta in depressione ma i suoi pazienti, disperati dalla perdita del terapista, si stringono intorno a lui e cercano di aiutarlo) sul quale far ballare i caratteristi. Claudio Bisio ha la parte che gli spetta anche in Zelig (la spalla, il capocomico) e il resto del cast di volta in volta fa il suo numero appoggiandosi a lui.

Anche in virtù di questo dettaglio in Confusi e felici non funziona nulla e la prima cosa a crollare è la trama. Il racconto non scorre, si comprende poco (nonostante la semplicità) e non riesce a dare un'identità chiara ad ogni personaggio poichè ognuno è pronto a tradire la propria maschera per una gag, in questo modo non c'è coerenza e anche il racconto, totalmente privo di fatti, intrecci e avvenimenti che lo portino avanti, diventa un rincorrersi di gag dietro alle paturnie del dottore (il quale sta meglio o ricade in depressione in maniere davvero poco convincenti). Una caduta delle braccia a parte avviene per la storiella d'amore, narrata attraverso un'ingenuità, fatta di arte e poesia, quadri dipinti con musica di sottofondo e cartelloni ammirati con sguardo sognante da dietro una finestra, mai adorabile ma sempre disprezzabile perchè non ci crede nessuno, a partire da chi l'ha scritta.

La seconda cosa a crollare è il divertimento. Tra le molte cose Nessuno mi può giudicare aveva mostrato un'idea di comicità molto tradizionale ma anche in forma, come se (incredibile a dirsi!) chi aveva scritto il copione ne avesse avuto effettivamente voglia, oltre ad essersi addirittura impegnato per non riutilizzare sempre le medesime gag. Tutto questo è assente. Certo la mancanza di ritmo nel narrare la storia non aiuta ma l'impressione è che anche prese singolarmente le parti di commedia funzionino pochissimo. Lasciate molto all'estro individuale di attori di provata bravura (ma quanto è sprecato nel cinema italiano un genio naturale della recitazione come Marco Giallini??) le gag sono fiacche e stanche, ripetitive e ad un certo punto anche ammorbanti (si distingue solo Caterina Guzzanti, l'unica che cerca di dare una caratterizzazione vera al proprio personaggio e che quindi riesce alla fine a trovare anche piccoli ammiccamenti o microespressioni che facciano il lavoro . I momenti che non si appoggiano sulla recitazione ma sulla scrittura si contano sulle dita di una mano sola e coinvolgono solitamente gli extracomunitari (vero pallino di Bruno).
Se Viva l'Italia aveva la scusa di un ideologismo ingombrante qui bisogna guardare in faccia il fallimento di un regista e sceneggiatore che sembrava migliore della media e che invece in quella media ci sta lentamente scivolando dentro.

5 commenti:

stone ha detto...

w kubrick!


Fabio ha detto...

Posso fare un OT nostalgico? Perché non ci sono più commenti di frankie, mariolone, compatto, flavia, svvv, senor dionigi? :( Desolazione.

Questo blog è come una taverna per me. (cit)


Gabriele Niola ha detto...

I bei tempi

Lentamente i social network hanno preso il posto dei commenti.
Più o meno gli stessi (con l'eccezione di frankie che si è opposto ai social) si ritrovano su FB o twitter e occasionalmente commentano

È cambiato tutto!


Fabio ha detto...

E allora possiamo dire che frankie se ne è andato da eroe (a differenza del compatto che si fa i selfie con un bastone).


Gabriele Niola ha detto...

Frankie sempre fedele alla linea.

Il compatto ormai è nel mondo della fotografia e di Instagram, venderebbe sua (nostra) madre per un like


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.