2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

24.10.14

La foresta di ghiaccio (2014)
di Claudio Noce

CINEMA D'OGGI
FESTIVAL DEL FILM DI ROMA

PUBBLICATO SU 
Un'investigatrice slovena infiltrata nella comunità montana al confine tra Italia e Slovenia, un prologo con un bimbo testimone di un episodio di violenza al momento di sconfinare in Italia e uno strano intrigo di bosniaci e italiani che non è ben chiaro cosa abbiano in comune e cosa da nascondere. Intorno a questi elementi che richiamano il genere si dispiega La foresta di ghiaccio ma lo fa nella maniera più lontana possibile dal suddetto genere. Se i polizieschi, i noir, i gialli o anche solo i thriller hanno tutti in comune una certa asciutta compattezza, l'essere finalizzati all'intreccio, il fondarsi su una serie di eventi che il genere prevede, La foresta di ghiaccio è fondato invece sui personaggi ed è disposto a qualsiasi implausibile bestialità nei confronti dell'intreccio e della coerenza pur di andare dietro ai tormenti dei personaggi.

É una storia comune a moltissimo cinema italiano recente, quella della "patina di genere", una foglia di fico che nasconde il solito film, ovvero il solito dramma intimista a cui di volta in volta viene aggiunto un cadavere o (in maniera ancora più fasulla e svogliata) un "detective" come nel film di Claudio Noce.
Montanari che parlano un buon italiano solo poco sporcato di dialetto, che si soffermano in delicati momenti di sospensione, che indugiano come piccoli poeti o che cullano teneri sogni di Brasile e si stendono sul letto a braccia aperte. Tutto è delicato e soffice come la neve che (anch'essa) poeticamente scende e i momenti più forti sono attutiti da un ralenti molesto. Il mondo ritratto parte per essere giustamente spietato e soprattutto di frontiera, luoghi e umanità agitando le quali si dovrebbe avere l'impressione che tutto possa succedere, che la morte sia dietro l'angolo e che invece agiscono come i più comuni medio-borghesi di città da cinema italiano.

Come se non riuscisse mai davvero a desiderare di aderire ad un certo mood (quello del giallo o del poliziesco) La foresta di ghiaccio sembra aver preparato un tipo di film per poi rimescolare le carte e farne un drammatico senza sale, in cui anche quel po' di interesse che i presupposti lasciavano trapelare si scioglie a mano a mano che i personaggi perdono in coerenza (la storia di sesso della detective pare quasi obbligatoria tanto è forzata ed inutile, le arroganze dei serbi sembrano precludere chissà cosa che non arriva mai e la "liberazione tramite colpo di fucile" nel finale manca di qualsiasi senso).
Impossibile da definire come film "pessimo" perchè recitato, montato e fotografato a livelli più che buoni e con competenze più che buone (sebbene come sempre la recitazione abbia un peso sproporzionato nell'economia della messa in scena, come se tutto dovesse passare da lì), la seconda opera di Claudio Noce è piuttosto un film scombinato che non va da nessuna parte e finisce inevitabilmente per annoiare. Molto.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.