2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

23.10.14

Stonehearst asylum (id., 2014)
di Brad Anderson

MONDO GENERE
FESTIVAL DEL FILM DI ROMA

PUBBLICATO SU 
Fa bella mostra di sè sui titoli di testa la firma di Edgar Allan Poe come autore della storia da cui è tratto il nuovo film di Brad Anderson, in realtà Il sistema del dr. Catrame e del prof. Piuma (il racconto in questione) è abbastanza diverso e in comune con il film ha solo lo spunto del "ribaltamento" interno ad un manicomio. Fa impressione affermarlo ma è obiettivo che Stonehearst Asylum riesca a trovare una vena gotica più pronunciata del suddetto racconto, andando più a fondo nelle conseguenze e nell'esasperazione cinica e spietata (nei confronti degli esseri umani) di quel presupposto. É in ultima analisi l'essenza del genere, non solo ribaltare una situazione ma indagare con uno sguardo pornografico le implicazioni per scovarne i dettagli più agghiaccianti.

La storia è quella di un giovane medico appena laureato che arriva in visita in un manicomio (siamo nel 1899) con l'obiettivo di fare pratica e si ritrova in un istituto anticonvenzionale nel quale le malattie mentali sono assecondate invece che essere curate. Già dopo poco però comincia a serpeggiare il dubbio che non tutto sia come appare.
Il primo merito di Brad Anderson nell'adattare questa storia è quello di avere un'idea di "colpo di scena" molto più ampia di quello a cui siamo abituati, i twist sono diversi e non solo quelli più attesi, soprattutto li usa per dar vita al classico cinema da manicomio, quello che nell'indagare la malattia mentale sfuma il confine tra ciò che è vero e quel che falso. Perchè in ultima analisi, per il cinema di genere (e Stonehearst Asylum è un film di genere) la pazzia è un male che nasce nel film ma contagia lo spettatore, portando lo svolgimento a fare continua confusione tra ciò che è vero e ciò che appare, come se chi guarda pure non fosse capace di leggere più correttamente la realtà e venisse continuamente ingannato e stupito dagli eventi.

Per questo alla fine il film sembra un buon remake di un film vecchio stampo quest'ultimo di Anderson, tanto sono convenzionali l'impianto generale, i toni, gli umori e le atmosfere e tanto è invece moderno lo svolgimento, smaliziato e per nulla timoroso di cercare lo spettatore più popolare lasciando qualche (vago!) spunto più serio nello sfondo.
Sarebbe insomma crudele non riconoscere a questo filmetto gotico così rapido e veloce la capacità di fare un lavoro molto sporco e farlo bene, senza cercare una gloria che non gli appartiene, senza velleità fuori posto ma con un sano spirito cinematografico.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.