2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

23.10.14

Tusk (id., 2014)
di Kevin Smith

MONDO GENERE
FESTIVAL DEL FILM DI ROMA

PUBBLICATO SU 
Fin dal trailer si era capito che Kevin Smith ha preso L'isola del dr. Moreau e ha cercato di farne un film suo, nello stile inaugurato da Red State. Quel che la visione completa di Tusk aggiunge è che oltre allo spunto di un uomo che viene trasformato chirurgicamente in tricheco non c'è molto altro. Certo la maniera in cui come un avvoltoio Kevin Smith gira intorno al tema è da manuale, imbastisce un discorso pieno di piccole deviazioni e goduriose ellissi che allungano un brodo altrimenti molto striminzito nel quale galleggiano personcine dalla evanescente personalità. Non c'è insomma una struttura forte a mantenere viva la fiamma del film come accadeva in Red state, qui questa si spegne quasi subito allo svelamento della creatura e rimane solo il divertimento gestito da una persona che sa come far passare il tempo.

Ed è un peccato perchè è evidente dalla contestualizzazione della vicenda (la vittima cade prigioniera durante un viaggio in Canada) come ci sia la volontà di raccontare storie radicate in un territorio specifico, mettendole in stretta relazione quel che accade con il luogo in cui ci si trova. Red state (con cui il film condivide la magnificienza di Michael Parks) poneva quest'esigenza così in prima linea da manifestarla addirittura nel titolo, Tusk però non è meno focalizzato nel prendere di mira i canadesi con le consuete ironie e le solite prese in giro ma anche con una maniera tipica di Kevin Smith di far aderire la vicenda al luogo in cui si svolge. Non è che la storia di Tusk non potrebbe essersi svolta altrove ma il fatto che si svolga in Canada gli dà un taglio peculiare che è impossibile ignorare.

Quel che questo film ad ogni modo dimostra è la grandezza delle capacità di scrittura di Kevin Smith e quanto queste si siano ormai ben fuse con quelle da regista. È semmai la scelta dei soggetti e la maniera in cui persegue un tipo di racconto che lentamente esce sempre un po' più fuori moda (il postmoderno per come lo ha sempre inteso lui fin dall'inizio degli anni '90) che sta relegando questo grande scrittore ai margini del mondo del cinema migliore.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.