2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

15.2.15

Cenerentola (Cinderella, 2015)
di Kenneth Branagh

FUORI CONCORSO
BERLINALE

PUBBLICATO SU  
Quando pensavamo di aver capito cosa ci fosse dietro al ritorno al cinema delle favole classiche Disney rimesse in scena con un misto di attori e scenari in computer grafica, arriva Cinderella di Kenneth Branagh a rimescolare le carte. Non è insomma vero per questo film quello che ci avevano insegnato Alice in wonderland, Maleficent e Biancaneve e il cacciatore (nonchè i molti altri film di altri studi che si sono "accodati" a questa tendenza come Hansel e Gretel - Cacciatori di streghe o Il cacciatore di giganti), cioè che la Disney stava rimescolando le carte dei suoi classici, scambiando protagonisti con antagonisti, cambiando il genere di riferimento in fantasy o ancora usando personaggi arcinoti per raccontare storie completamente diverse ad un pubblico diverso, uno abituato a trame più dure e ad un cinema, quello di questi anni, che ama l'atteggiamento geek nei film, ovvero l'analisi di tutte le componenti e l'approfondimento di ogni fatto, il prologo che crei una mitologia, le "origini" per i personaggi,  fino alla spiegazione per filo e per segno di ogni componente per essere certi che la credibilità interna alla storia regga sempre. Anche nelle favole.

Cinderella è il classico che non vuole morire e si batte per essere ancora attuale senza tradire se stesso. E vince.
Il piglio sembra quello della migliore animazione contemporanea Disney, quell'incrocio tra fiducia nella forza dei principi sbandierati dalla favole (sentimenti positivi di granito, la forza del sogno, la solidità degli scenari magico-medievali, l'amore fiabesco) e capacità di sapersi guardare dall'esterno per, quando serve, ridere dei propri clichè.
La prima componente che stupisce in Cinderella infatti è proprio il divertimento (a fronte di grande serietà nel trattare i momenti importanti della storia), la seconda è come Kenneth Branagh abbia affrontato il compito di fare una favola classica, senza cambiare nulla, semmai aggiungendo un po' più di parte alla matrigna e rimpolpando l'intreccio così da avere un film più corposo. Al netto di un prologo più completo, di una serie di dinamiche più complesse legate al ballo e poi alla ricerca da parte del principe del piede giusto, il sapore è esattamente il medesimo ottenuto decenni fa da Disney, quando per la prima volta creò la ricetta della sua Cenerentola a partire dalle favole tradizionali.

Se i cartoni animati tradizionali si reggono su un ottimo villain, i loro remake in live action si fondano su attori di peso in quei ruoli o come spalle d'eccezione, questa volta tocca a Cate Blanchett. La sua matrigna non ha molto a che vedere con quella disneiana, non solo è più giovane ma dentro di sè ha una piccola fessura dalla quale si intravede qualcosa che non è mai spiegato ma che è molto forte, una motivazione forse, un senso di rivalsa o solo la capacità di un attrice di non riuscire solo a dire le proprie battute ma agirle e nel farlo svelare qualcosa di più del suo personaggio. Eppure Branagh è bravo a sufficienza da non lasciare che Cate Blanchett diventi il film, la tiene ai margini consentendole di dare così il massimo, perchè Cenerentola è la protagonista e per lei rispolvera parte della tradizione (il rapporto con la cenere, da cui il nome, è bellissimo specie quando nasconde la scarpa, tutte le sue speranze di un domani migliore nell'elemento per cui è presa in giro) oltre a darle più profondità con un rapporto inedito con padre e madre.

Azzeccando ritmo e tono Branagh riesce a far funzionare tutto, anche quello che negli altri film del genere risultava più scadente. I molti richiami al cartone animato infatti non sono stonati (topini e gatto Lucifero sono un'invenzione disneiana qui riportata senza esagerare) e anche l'eccessiva fata madrina di Helena Bonham Carter si ferma un passo prima di diventare stucchevole, rimanendo in un piacevole limbo postmoderno (sembra l'unico personaggio in grado di vedere gli eventi "da fuori", come non appartenesse alla favola) che alimenta il film là dove poteva perdere ritmo.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Sì, ok, quello che ti pare...
Ma come mai Cenerentola sembra Elio (e le Storie Tese)?


Gabriele Niola ha detto...

Era così nella favola originale
pelata e con le sopracciglia folte, Disney la rese bionda perchè voleva omaggiare l'arianesimo e renderla una pulzella del Reich. Ora Branagh ha intelligentemente fuso le due tradizioni lasciando intatto il raffinato dettaglio delle sopracciglia.
Speravo di trovare anche Faso in un ruolo minore ma non si può avere tutto


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.