2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

16.2.15

Gone with the bullets (id., 2015)
di Jinag Wen

CONCORSO
BERLINALE

PUBBLICATO SU  
Dire l'indicibile attraverso il caos. Potrebbe sembrare un allievo del cinema barocco di Baz Luhrmann, Jiang Wen, ma solo il nostro occhio occidentale lo si può paragonare al regista di Moulin Rouge. In realtà il caos espressivo nel regista dalla grande carriera d'attore fuziona come mezzo per rivelare le parti meno concilianti della storia del suo paese, i suoi film sono macchine d'intrattenimento pazzesche, dalla grandezza titanica, meccanismi giganti che però vantano sempre qualche ingranaggio fuoriposto, dei dettagli dissonanti che danno alla storia un andamento meno lieto di quello che la musica, i colori e l'umorismo farebbero pensare.

Gone with the bullets si presenta come un trionfo di gioia di vivere, con balli, truffe, fughe d'amore e grande senso di coolness ma tradisce un cuore debole e fragile, si ispira ad un vero fatto di cronaca e lentamente mette in mostra come il perseguitato, massacrato dalla propaganda non avesse egli stesso coscienza di cosa avesse fatto. La verità non interessa a nessuno e il sistema è colluso con il potere.
Per dire quello che gli preme Jiang Wen organizza il più grande spettacolo del mondo, coinvolge nei balli un poliziotto come nulla fosse, come fosse normale, fondendo per l'appunto l'esagerazione cromatica di Luhrmann con la CG onnipresente di Sin City e il citazionismo da fine anni '90, ce la mette tutta per distrarre lo spettatore ma alla fine il suo obiettivo è un altro.

Inevitabilmente un film così furioso e dinamico celebra in primis la gioia di filmare, il piacere di dare vita a macchine incredibilmente complesse e opulente, che si nutrano di eccessi e accumulino situazioni, nelle pieghe delle quali Jiang Wen non spiega mai bene tutto, non getta quella luce di chiarezza che contraddistingue il cinema più commerciale, ma riempie la trama di buchi, omette, confonde e quando dovrebbe illuminare fa iniziare un nuovo numero musical. Come un regime non vuole che si sappia tutto e mira a lasciare un senso di vuoto quando alla fine, la storia arriva al suo inevitabile finale.
Nessuno fa film così.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.