2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

2.3.15

Dancing with Maria (2015)
di Ivan Gergolet

PUBBLICATO SU  
Quella di Maria Fux è una storia e una personalità che attendevano di diventare film.
Ballerina argentina di buona notorietà, ad un certo punto della sua carriera ha deciso di cominciare ad insegnare danza come forma di terapia. Terapia per chi ritiene di averne bisogno ma anche terapia per invalidi o terapia per affetti da sindrome di down, non ci sono categorie che Maria (ormai anziana ma comunque vitale e capace di impressionare muovendo anche solo una mano) non possa far ballare. Il suo metodo e la sua scuola hanno diverse succursali in diverse città del mondo ma lei continua a vivere nella sede centrale, casa e bottega.

È evidente che l'impatto visivo potente di questo documentario è tutto sull'asse Maria/ballerini, cioè sul fatto che questa donna anziana ancora curata come una ballerina d'altri tempi (con i fiori nei capelli) detta movimenti nell'aria e spiega come poter occupare lo spazio con il proprio corpo a persone che non solo non hanno il fisico ma nemmeno i movimenti dei ballerini. Eppure, attraverso i suoi metodi, anche i più deficitari si appropriano di una grazia e un'idea di comunicazione tramite braccia, mani, gambe, torso e testa che appaiono liberatorie.
C'è qualcosa di fortissimo in queste immagini, a prescindere dallo stile con il quale Ivan Gergolet le riprende: quella che per alcune persone è una gabbia che costringe, limita e fiacca (il corpo, specie se contaminato da handicap), possa diventare lo stesso, in maniere paradossali, un'opportunità di comunicazione.

Peccato che non sempre il documentario sia all'altezza degli eventi che filma, dei gesti cui assiste e della figura che ha scelto di raccontare. Verso metà sembra aver già esaurito la sua spinta propulsiva e comincia a ripetersi, a ripassare più volte i medesimi solchi.
Gergolet documenta anche la lotta di Maria Fux contro il suo corpo che decade ma in questo caso, cioè nel dramma, non trova la forza visiva che invece è presente nelle prime immagini dell'estasi da danza dei corpi inusuali dei suoi studenti portatori di handicap. E così lentamente il film muore.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.