2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

27.8.15

Minions (id., 2015)
di Pierre Coffin e Kyle Balda

Era molto atteso ed è stato molto pompato lo spin-off di Cattivissimo Me con protagonisti gli esserini dalla lingua incomprensibile (ma in realtà molto chiara), i servi dei supervillain, cretinissimi leccapiedi realizzati a forma di comic-relief dell'animazione statunitense classica. I Minion sono per Cattivissimo Me quello che Scrat è per L'era glaciale, l'interludio muto, il divertimento trasversale, l'oggetto perfetto di marketing situato a metà tra il tenero e il comico. E in questo sono perfettamente riusciti. Lo stesso non si può dire del loro film che urla, strepita, esagera e si agita confondendo le acque senza raccontare niente ma semplicemente affiancando gag una dopo l'altra fino alla noia.

Per l'occasione la Illumination crea una mitologia dei Minion (senza troppo impegno) e mette accanto ai tre personaggi fondamentali dei nuovi villain a cui rispondere, una coppia in stile Londra anni '60, Tuttavia poco cambia, i protagonisti rimangono i Minion e la distruzione che portano con sè, il padrone di turno è solo una comparsa utile a mettere in moto una storia di conquista del potere. Il problema è che questa storia gira talmente a vuoto che alla fine, per quanto sia paradossale, un film pensato per un pubblico al di sotto dei 10 anni finisce per annoiare tanto è una ripetizione di scene e non una storia che si snoda.

Per le caratteriste con le quali sono stati pensati l'eredità dei Minion dovrebbe essere quella dei Looney Tunes incrociata con quella dei Fratelli Marx, cioè dei personaggi dalla comicità trasversale e molto basilare, che esistono per la maniera in cui si comportano più che per quello che dicono, unita al caos che viene introdotto là dove dovrebbe regnare l'ordine. Per definizione i loro capi ordiscono piani, meditano e costruiscono azioni finalizzate a prendere il potere o a rubare oggetti e i Minion sono i personaggi che in questo metodo portano il caos comico, l'anarchia e il ribaltamento delle situazioni che ne svela l'inconsistenza. Tutto ciò che viene costruito per apparire migliori senza esserlo è distrutto dall'incompetenza comica che nella sua ignoranza rivela la pochezza di chi si dà le arie. Peccato che non sia così.
Non c'è nessun piacere nella distruzione involontaria dei Minion, questa non è mai pensata per attaccare qualcosa o per mettere sottosopra momenti che vivono di una sacralità intoccabile. I Minion distruggono e basta e per questo non sono interessanti. Il loro è il grado zero, la ripetizione di un tormentone ad oltranza, uno che è divertente solo per il numero di volte in cui ritorna non per il senso che ha.

8 commenti:

Fabio ha detto...

Probabilmente un intero film sui minion è davvero troppo, però devo dire che da quando mi occupo di animazione per lavoro ho trovato davvero "rinfrescante" la visione di Cattivissimo me 2. In un mercato dove si fanno largo sempre più dei cartoni "adulti" o sentimentali questi puntano sulle gag fisiche ed è l'occasione di ammirare un po' di animazione tradizionale, con tutte le sue finezze e tutti i suoi segreti (e la cosa non è limitata a questi esserini nei due film).


Gabriele Niola ha detto...

Comprendo il tuo discorso tecnico. Ma questi film sono davvero il grado zero narrativo


Fabio ha detto...

Anche Cattivissimo Me 2 (classicissimo) non ti è piaciuto?


Gabriele Niola ha detto...

per niente


Fabio ha detto...

Allora sono diventato traviato dalla tecnica: ogni cinque secondi pensavo che era illuminato da Dio e il giorno dopo lo consigliavo a tutti. :D


Gabriele Niola ha detto...

AHAHAHAH no no ci sta. Sono deformazioni ma pure io ho le mie che non condivido pubblicamente perchè mi vergogno.


Fabio ha detto...

Approfitto per chiederti se c'è una testata dove pubblichi articoli di respiro più ampio (nel senso che non sono recensioni che devi scrivere per tutto quello che esce), tipo approfondimenti, retrospettive o cose così.
Alla prima occasione vorrei segnalarti su hookii (che è la community di tutti gli ex-commentatori del Post di Sofri).


Gabriele Niola ha detto...

Scrivo su MyMovies alcune recensioni, scrivo su Wired pezzi di cinema e tecnologia o cinema al maschile, scrivo su i400calci pezzi di cinema ancora più al maschile e su Fanpage.it pezzi di cinema più mainstream.

Credo però di capire che gli approfondimenti che cerchi sono quelli che scrivo ogni tanto per BadTaste (per il quale comunque faccio anche le recensioni di tutti i film in sala). Ieri per dire ne ho messo uno solo sui titoli di testa di Watchmen


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.