2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

6.8.15

Tracers (id., 2015)
di Daniel Benmayor

Taylor Lautner sta studiando da action hero anche se con riluttanza abbandona quegli abiti di eroe romantico che gli hanno sempre calzato male. Ancorato con pesantezza alla serie di Twilight (non proprio un must per il pubblico del cinema d'azione) dove era la controparte più virile dell'etereo Pattinson, già con Abduction aveva cercato di trovare una propria strada, essere uno Statham per ragazzi (come se Statham non lo fosse), un Jackie Chan per occidentali (come se Jackie Chan non ce lo godessimo anche qui). Vorrebbe unire le due caratteristiche chiave di questi attori, che sono poi tra le più apprezzabili in assoluto per un attore d'azione: gli stunt fatti dal vero e la performance atletica. Ovviamente non intende essere nè un genio dell'arte marziale, nè un vero duro, e questa forse è la sua pecca più grande, sembra non scegliere nessuna strada e finire in una pericolosa via di mezzo in cui regna l'evidente disonestà, l'artificiosità dell'operazione.

Tracers è un film sulla scia di Brick Mansion che poi è il remake americano di Banlieue 13, cioè una storia di parkour, ingiustizie e (ecco che torna l'eroe romantico) amore. Il personaggio di Lautner è nei guai con gli strozzini e consegna pacchi in bici per Manhattan, quando entra in contatto con un gruppo che fa parkour e ne rimane affascinato. O meglio rimane innamorato di una di loro e li segue in un vortice di crimine come in un Point Break senza FBI e senza senso della coolness.
Non si può far finta di non vedere la dedizione con cui la produzione segue le regole auree più serie e ferree del vero cinema d'azione: riprese a corpo intero e veri stunt. Tracers ha l'indubbio merito di mostrare qualcosa sul serio, di obbligare i suoi attori a performance, purtroppo ha anche il difetto di non poter o non saper spingere davvero sull'acceleratore. Le suddette performance di parkour infatti sono molto all'acqua di rose e in pochissimi casi stupiscono. Viene in questa maniera a mancare uno degli elementi fondamentali del genere che Lautner vuole battere: lo stupore di fronte ad una prestazione. La poesia di un corpo preso in movimenti stupefacenti.

Se Jackie Chan ha fatto di questa meraviglia un'arte e Statham vanta una presenza in scena che pochi possono uguagliare, Lautner manca di tutto anche se il suo impegno è lodevole. Dunque, privo di un vero centro di gravità, il film lascia emergere ad ogni svolta i suoi difetti, da una trama grossolana (le motivazioni dei vari gruppi sono risibili) a uno svolgimento poco curato (il protagonista imparerebbe il parkour in pochi giorni), che unito ad un'azione per nulla stupefacente fa chiedere in più d'un momento che cosa lo si stia guardando a fare.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.