2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

7.8.15

Joker (Wild Card, 2015)
di Simon West

L'idea folle di dare in mano al regista grossolano di Con Air e I mercenari 2 il remake di un film del 1986 con Burt Reynolds dimenticato nel tempo, basato su uno script di uno sceneggiatore metodico, preciso e molto raffinato come William Goldman (Il maratoneta, Butch Cassidy, La Storia Fantastica, Misery Non Deve Morire e Papillon) ha partorito un piccolo mostro, un film in cui tutto è deformato, esagerato, sbagliato e fuori quadro. Anche Jason Statham, una delle più grandi certezze del cinema contemporaneo, un attore che si è fatto genere, la cui presenza basta a definire il tipo di film che lo contiene al pari di quel che poteva simboleggiare negli anni '90 Bruce Willis, ne esce sconfitto incapace di plasmare l'implasmabile.

La storia di un ex dei corpi speciali "spiaggiato" a Las Vegas che sbarca il lunario con piccole truffe o come guardia del corpo, per ricchi che vogliono farsi un giro nei casino senza correre rischi, è densa di sfumature che Joker asfalta senza pietà, ansioso di arrivare alla prossima scazzottata. Personaggi come quello di Michael Angarano, ricco geek che ha fatto soldi con il software ed è in cerca di una legittimazione umana, è massacrato dal manicheismo che lo vuole contrapposto al duro di Statham. Per non dire dei personaggi femminili (dalla sfigurata alla croupier) o del carismatico boss di Stanley Tucci, tutti persi in un film che desidera finire presto ed essere semplice, che scambia la riduzione a banalità per minimalismo e per un atteggiamento seccon e diretto. 
Purtroppo però anche i fan delle stathamate (film a misura di Jason Statham) rimarranno delusi da questa storia in cui si mena bene ma senza nulla intorno, che annacqua qualsiasi residuo di adrenalina con una malinconia generica e messa in mano a chi non sa che farci.

Cosa voleva essere allora Joker? La redenzione di Simon West? Un adattamento di un racconto di Goldman "con una marcia in più"? A Statham, che ha sempre interpretato dei vincenti anche nelle condizioni più incredibili, uomini che nonostante quel che gli riservi la vita sembrano procedere sempre e comunque a testa alta, viene lasciato questo perdente d'eccezione, ancorato a Las Vegas più di quanto non pensi, massacrato da un senso di colpa atavico che non ci viene mai spiegato. Tutte suggestioni che sono più nella testa dello spettatore che nel film, frutto di un lavoro di deduzione che non dovrebbe spettare a chi guarda.
Costretto ad essere quel che non è l'unico action hero degno di questo nome dei nostri anni, nonchè grandissima maschera per un noir contemporaneo ancora da venire, viene tirato fuori dalla sua area protetta, dal giardino in cui pascola abitualmente, e travisato, costretto a rivelare il peggio di sè. 
Joker è sostanzialmente un film ingiusto nei confronti di tutti.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.