2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

17.5.16

Nice Guys (id., 2016)
di Shane Black

FUORI CONCORSO
FESTIVAL DI CANNES
Non ci sono solo gli anni '70 in Nice Guys ma soprattutto l'hard boiled losangelino, quello in cui misteri e casi da investigatore privato mescolano la parte più bassa del mondo del cinema (nel caso specifico il porno) con gli interessi più alti (il potere delle grandi società automobilistiche). In questo mondo che non si interessa della vita dei singoli si muovono i due investigatori senza rispetto per se stessi.
Con l'atteggiamento meno serio possibile Shane Black rimane aderente fino alla fine al suo genere, non tradisce le premesse e mette in piedi un intreccio che poteva tranquillamente animare un film serissimo, duro e disperato. A fare la differenza è la stupidità umana, la maniera in cui è sottolineata e quasi ammirata. Non siamo di fronte agli idioti dei Coen (che con Il Grande Lebowski si muovevano esattamente in questa acque), per Shane Black la stupidità non è una piaga triste sebbene esilarante, non è il corollario di un mondo in cui tutto accade senza un ordine, ma semmai il condimento di un destino già scritto, una meraviglia da celebrare perchè divertente. L'ironia non è l’ultima beffa ma la vera esaltazione del vivere. Come tale è un piacere unico.

Il detective privato Ryan Gosling assieme al picchiatore Russel Crowe risolveranno il primo caso che li vede collaborare in maniera totalmente fortuita, come del resto in maniera totalmente fortuita ne usciranno vivi e senza un graffio (l'unico vero danno se lo procurano l'un l'altro inizialmente, il che già fa ridere). Nei fratelli Coen la stupidità porta alla morte, alla tristezza e all'ineluttabile sofferenza, sebbene in maniera grottesca, in Shane Black la stupidità invece è il mezzo attraverso il quale il destino ha deciso di far vincere i due protagonisti: "Sometimes you just win" è la chiosa del detective con braccio rotto di Gosling.
Non è una novità per questo regista ma soprattutto sceneggiatore dire tutto quel che intende dire con il ritmo. Non è una novità nemmeno che questo ritmo non sia indotto tanto dall'azione (che pure non manca) quanto dai dialoghi, dal fiume di parole che riempie ogni sequenza, ogni momento concitato, ogni pausa. Non si può stare zitti nei film di Shane Black perché le parole sono quello che tiene in vita i personaggi, solo i morti non parlano e anche quando in fin di vita tutti hanno qualcosa da dire. Quello che per altri sarebbe un limite Black lo trasforma in ricchezza.

In questo film spensierato in cui non ci si ferisce mai e la morte dei cattivi non pesa, la sceneggiatura sì diverte a usare gag all'inizio per trasformarle in piccoli tormentoni che tornano fino alla fine del film, aumentandone il divertimento, crea un mondo e un vocabolario unico dei protagonisti (la maniera in cui fanno arbitrariamente riferimento ad Hitler), inventanuove dinamiche comiche che non conoscevamo (il confondere quel che si è sognato con quel che è stato davvero detto) e condisce il suo scemo comico (Gosling) con un tono e una spacconeria tutte sue. Le caratteristiche migliori di una commedia (avere così tanta personalità da donare l'illusione di non avere ispirazioni ma aver creato tutto da zero) sono qui messe a servizio dell'esaltazione di un genere non tramite la sua presa in giro, ma come ha sempre fatto Black tramite l'esaltazione delle sue componenti più importanti.

Se nell'hard boiled i personaggi sono quasi sempre spettatori di qualcosa di più grande, di un mistero che ammirano mentre lo scoprono, quasi esastiati dalla complessità e ampiezza del male, anche qui Gosling e Crowe vagano quasi rapiti dalle ramificazioni del complotto e del doppio gioco di chi credevano dalla loro parte o anche solo dalla maniera in cui il caso continua a fargli cadere sulla macchina la persona che cercano.
Ci vuole una capacità fuori dal normale di creare credibilità attraverso la personalità dei caratteri (di nuovo, è con la parola che lavora Black) per rendere una storia così assurda paradossalmente credibile, per non perdere lo spettatore nell'esagerazione delle sue coincidenze ma tenerlo avvinto dalla convinzione che alle volte l'ironia della vita sta proprio in quanto il caso ci possa sorprendere.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.