2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

25.5.16

Somnia (Before I Wake, 2016)
di Mike Flanagan

Dopo aver stupito tutti con il misto di avventura e horror che era Oculus, con quell’atteggiamento inedito e aggressivo verso la minaccia che scambiava la classica paura dei protagonisti con la combattività, Mike Flanagan ha girato Before I Wake, da noi Somnia (che poi era il titolo originale internazionale), storia classica con un twist sentimentale.
Orfano di madre Cody passa di famiglia adottiva in famiglia adottiva, il motivo lo capiscono subito i suoi nuovi genitori: quando Cody si addormenta quel che sogna si materializza, e se i primi tempi è tutto farfalle colorate e bei ricordi, inevitabilmente arriveranno gli incubi ricorrenti.

Lungo tutto il film c’è qualcosa che non va, c’è un senso di orrore incompiuto che gli impedisce di andare al dunque. Indirizzato su binari abbastanza convenzionali il film sembra non voler decollare.
La creatura più spaventosa è inusualmente mostrata, cioè ci viene fatta vedere con eccessivo dettaglio, sottraendogli potere spaventoso, e anche la trama di lotta alla minaccia sembra non voler mai veramente partire. Pieno di inizi, Somnia rimanda continuamente l’intreccio. Il motivo lo si scopre nel finale che muta genere e fa, di tutto l’horror accumulato, un altro uso.
Determinato a non girare film dell’orrore usuali, questa volta Flanagan ha voluto provare ad usare la più classica delle storie di paura, una di quelle di cui pensiamo di sapere già tutto, per dire qualcos’altro, per spiazzare. Purtroppo però Somnia sta a metà tra i due generi e non soddisfa in nessuno dei due casi. Troppo esitante per funzionare davvero come horror, troppo puerile, mal scritto, goffo, mal recitato (e doppiato malissimo) per poter poi emozionare seriamente.

Ancora una volta montatore del suo film, Flanagan non sembra più quello che aveva dato un andamento strano ad Oculus, che aveva fatto un film con una voglia di assumere un altro atteggiamento nei confronti della classica storia dell’orrore. Somnia addirittura ad un certo punto gioca nel medesimo territorio di Babadook, tra rielaborazione di un lutto e una paradossale pacificazione con la minaccia che spaventa, ma non riesce a avere la sorprendente capacità del film di Jennifer Kent di unire gli opposti.
Nonostante il film, come uno dei suoi personaggi, ad un certo punto si restringa, lentamente si ridimensioni passando da grosso e spaventoso a piccolo e indifeso, lo stesso fallisce l’obiettivo. Troppo convenzionale la prima parte, in cui i topoi dell’orrore sono tutti confermati senza avere la capacità di manipolarli e dargli un taglio personale, troppo ingenuo e naive il finale che pretende di coinvolgere sentimentalmente con le più banali e trite delle immagini, spacciate per originali.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.