2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

26.9.16

Elvis & Nixon (id., 2016)
di Liza Johnson

Che Kevin Spacey sia un attore fuori dal comune, superiore alla media e sostanzialmente differente dagli altri, uno a cui non si applicano le medesime regole che valgono per i colleghi, lo testimonia il fatto che, calato nei panni di Nixon nello studio ovale della Casa Bianca, è lontano anni luce da Frank Underwood. Nonostante abbia legato la sua immagine ad un presidente degli Stati Uniti negli ultimi 3 anni, lo stesso qui è ancora diverso. E non è tanto il trucco (moderato) o la postura (simile a quella di Nixon ma nemmeno troppo accentuata), è proprio il fatto di essere un altro essere umano a scacciare ogni somiglianza.
Dall’altra parte questo film dalla curiosa composizione ha anche nel ruolo di Elvis Presley uno degli attori che meno gli somigliano in assoluto. Scuro e minaccioso in volto là dove il re del rock era bello e rassicurante.

Eppure le sue stranezze Elvis & Nixon se le lascia alle spalle dopo poco, finendo già al secondo minuto in una delle trame più assurde tra quelle ispirate a storie reali. A metà anni ‘70 Elvis volle incontrare il presidente degli Stati Uniti, che in quel momento era uno dei più conservatori e vecchio stampo che ci potessero essere. Il risultato è una foto che ad oggi rimane la più richiesta tra quelle dell’archivio fotografico nazionale. Elvis voleva essere nominato agente segreto dell’FBI per combattere la droga e la decadenza dei costumi, portò pistole nella Casa Bianca e non rispettò quasi nessuna delle molte regole imposte dalla security. Nondimeno riuscì ad incontrare il presidente più riluttante in assoluto a farsi vedere con una rockstar, in anni in cui le rockstar sembravano qualcosa di contrario all’establishment.

Questo film fa molta attenzione a cercare le ragioni di una foto, che già è interessante, ne indaga le possibilità, racconta due persone molto peculiari e addirittura si prende il lusso di perdere tempo con qualche personaggio minore. Su tutto regna ovviamente la battaglia dialettica tra i due, il fatto che ci appaiano come due anime diverse in lotta per un incontro che sembra non poter accadere, eppure quando arriva il momento culminante del tanto sospirato meeting, parte un sottile gioco al gatto con il topo preparato a dovere nei minuti precedenti. Arrivati nello studio ovale sappiamo bene cosa Nixon non sopporti, cosa voglia Elvis, cosa Nixon pensi di trovarsi davanti e cosa gli farebbe piacere, ma anche l’imprevedibilità e l’arroganza del re del rock. Siamo informati e possiamo godere degli eventi seguendoli a due livelli di profondità diversi, ciò che accade e ciò che i due probabilmente pensano.
Questa è senza ombra di dubbio una storia ben raccontata.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.