2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

3.10.16

Se Permetti Non Parlarmi di Bambini (Sin Hijos, 2015)
di Ariel Winograd

La commedia della normalizzazione è quel sottogenere della commedia sentimentale in cui si parte da presupposti politicamente scorretti, da personaggi con comportamenti devianti rispetto al generale atteggiamento della propria società, esaltandone l’audacia, per poi lentamente convolare grazie all’amore verso la loro negazione, verso l’inquadramento dei personaggi in schemi, ruoli e atteggiamenti conformati. Sono quei film che nel trailer e nella cartellonistica si beano della diversità dalla massa mentre nel film lentamente la massacrano, riportando la pecorella smarrita all’ovile a furia di sentimento, dimostrando che le emozioni migliori non possono che abitare nell’assetto sociale che già viviamo.
Se Permetti Non Parlarmi di Bambini, che in questa categoria rientra pienamente, proprio per queste ragioni è un film sorprendente e da applaudire, perché nel sottogenere forse più odioso e ipocrita di tutti riesce a trovare idee e spunti fulminanti.

Lo spunto antisociale qui è il desiderio di non avere figli, l’odio profondo per i bambini della guida turistica interpretata da Maribel Verdù (volto e fisico perfetti, prelevata dal cinema spagnolo per questo film argentino), single incallita con una vaga voglia di calmarsi e trovare un compagno fisso. Ma figli neanche a parlarne. Dall’altra parte il protagonista vero, Diego Peretti, è un padre divorziato talmente attaccato alla figlia da aver ottenuto l’affidamento totale, un uomo che non parla d’altro se non della figlia.
Ariel Winograd subito, già nelle prime scene d’incontro tra i due dimostra una capacità narrativa sopra la media, riuscendo a lavorare su un piccolo elemento di sceneggiatura: la sensazione di tradimento del padre. Attaccatissimo alla figlia è così stordito dall’amore (ma soprattutto dall’eccitazione sessuale) da essere pronto a mandare tutto a monte e non esita più di un minuto a mentire a questa donna antibambini di cui sì è follemente innamorato.
Dalla sua affermazione di non avere figli, scaturita con grande humor senza nessuna difficoltà, partirà l’intreccio di inganni e sotterfugi.

Sebbene il film andrà a parare dove il suo genere gli comanda, tutto lo svolgimento è animato da una serie di spinte e idee molto più audaci (e quindi più divertenti) della media. Perché invece che lentamente normalizzare il protagonista, il film lo mette di fronte al grottesco e alle conseguenze assurde della sua menzogna. Finirà per avere una storia con due donne, una delle quali è la figlia di 9 anni che avrà la gelosia delle mogli o delle fidanzate tradite, replicherà con una bambina schemi e battibecchi da coppia adulta. Ci sono momenti di puro imbarazzo di fronte ai paradossi cui l’esigenza di tenere una menzogna incredibile porta i protagonisti, e il modo in cui Winograd gioca sui princìpi di ogni personaggio e come siano poi disposti a sbarazzarsi in fretta di essi di fronte al colpo di fulmine (geniale la chiusa al benzinaio con il fratello Keko), esprime una personalità unica. Pure nel più commerciale e ipocrita dei generi esiste una maniera di fare buon cinema, intelligente e stratificato.
Ogni riferimento al cinema italiano è puramente casuale.

2 commenti:

Geppo ha detto...

Scusa per l'off-topic: pensi di riuscire prima o poi ad aggiornare il sito dei podcast? È fermo ad aprile...
Sono un addicted ma purtroppo i miei orari di lavoro non mi permettono di ascoltarvi in diretta.


Gabriele Niola ha detto...

Guarda mi vergogno tantissimo perchè ce li ho tutti su disco rigido ma non ho avuto il tempo
ora giuro che mi ci metto e riprendo ad avere un passo costante


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.