2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

10.11.16

Sing Street (id., 2016)
di John Carney

Formare una band al cinema può essere sintomo di noia, può essere una distrazione che non porta a niente, può essere il desiderio bruciante del successo o un modo per mettere a frutto un incredibile talento, in Sing Street è un maniera per diventare adulti. È perché esiste la musica, vissuta realmente, in prima persona, che è possibile per Conor immaginare un’altra vita, libero da genitori e imposizioni scolastiche. E diverso lo diventa davvero il protagonista, leader di un gruppo che di settimana in settimana segue tutte le mode musicali degli anni ‘80, fino a finire per conquistare il desiderio di cambiamento anche di un’autodefinitasi modella. E una volta tanto anche il mare in tempesta da superare del finale, la più stucchevole e diretta delle allegorie, suona appropriata.

Ribaltando l’intreccio tipico della commedia anni ‘80, e mettendo questa volta un ragazzo a smaniare sentimentalmente per una ragazza più grande, più cool e troppo distante da lui, John Carney esplora ancora un’altra dimensione di come musica e sentimento si sposino. Dopo la storia del musicista di strada e della straniera di Once, della cantante e del produttore di Tutto Può Cambiare (forse il suo capolavoro, il film in cui umanità, paesaggio, musica e tecnica filmica raggiungono uno zenith che gli vale un posto piccino nella storia del cinema), ora quella di un liceale che forma una band con l’unico scopo di conquistare una ragazza e nel farlo scopre cosa può fare la musica, continua a scolpire una forma personalissima nella classica commedia musicale. Una in cui le canzoni non sono corollario o parte della forma del film, ma hanno un ruolo attivo nella trama.

Non che non abbia dei padri John Carney, ma se il suo tocco ha una leggerezza e al tempo stesso una serietà non nuove al campo delle commedie migliori, il ruolo che gioca la musica è unico. Non è la scelta dei brani, non è la loro esecuzione e non è nemmeno il montaggio delle parti musicate, è proprio come tutta la storia venga migliorata dal fatto che nella vita dei protagonisti esiste la musica, come se sotto sotto la vera risposta a tutto non siano i sentimenti ma le note. Questa piccola utopia che striscia sottile tra le scene porta un livello di ottimismo, anche nei momenti più tragici, che è unico e che Carney ha introdotto nel cinema, uno che non nega le amarezze della vita ma le contestualizza, gli dona un senso più grande e le mette a frutto come in una ballad malinconica.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.