2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

27.4.17

La Guerra Dei Cafoni (2017)
di Davide Barletti e Lorenzo Conte

Lande desolate, paesaggi tra il dimenticato e il post-qualcosa, colmi di ruderi abbandonati, di strutture che potrebbero anche risalire ad altre ere passate ma tecnologicamente più avanzate, in Italia possono esistere solo nel meridione e per questo è quello il luogo in cui i racconti più assurdi diventano di colpo credibili. La Guerra Dei Cafoni è ambientato nel 1975 in Puglia e adattando bene l’omonimo libro di Carlo D’Amicis mette in scena un mondo privo di adulti (eccezion fatta per il barista), in cui esistono solo bambini che perpetuano con violenza una legge battagliera che gli preesiste. Ogni anno i signori si scontrano con i cafoni, i figli dei proprietari terrieri contro quelli dei contadini, alimentati da un’inimicizia aprioristica cercano di imporre il proprio dominio sugli altri con cattiveria, angherie e violenze.

A smuovere le acque arriva una figura intermedia, un cugino del capo dei cafoni, figlio di un meccanico. Provenienza cafona ma reddito più alto, un mestiere in mano, qualche conoscenza in più, soldi da spendere, ambizioni di scalata sociale, voglia di rompere le regole e mescolare le acque. È in piccolo (in tutti i sensi) quel che accadeva più o meno in quegli anni, il crollo di certe gerarchie e il mutamento sociale. Ma non è questa la parte migliore, questa è semmai quella più didascalica che ricorda allo spettatore quel che già sa. La parte forte del film di Davide Barletti e Lorenzo Conte (documentaristi con già un film di finzione alle spalle, Fine Pena Mai) è la maniera in cui riescano a creare un ambiente irreale in cui muovere la metafora degli eventi veri.

In La Guerra Dei Cafoni l’assenza di qualsiasi adulto fa il paio con luoghi che sembrano abbandonati da anni, lande non costruite, case solitarie, baracche, rovine. Lì dentro i bambini si muovono con diverse capacità. Il cast è ampio e non tutti sono al medesimo livello, ma nei momenti più efficaci La Guerra Dei Cafoni mette in scena la preadolescenza per quello che è: una rabbia ingenua di grandissimo effetto, desideri allo stato brado, violenza e sentimento gestiti male.
Senza una connotazione temporale poteva essere pura distopia, con un po’ più di concretezza nella storia e meno vaghezza nei riferimenti poteva essere Il Signore Delle Mosche. Peccato quindi che, specie nel finale, il film sembri un po’ spaventato dall’idea di vincere e non trovi mai la chiusa perfetta, preferendo lasciare tutto sul vago, trovata che ha senso per la storia raccontata e le ambizioni di racconto sociale ma meno per quanto di buono l’intreccio aveva imbastito.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.