2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

25.5.17

BPM (Beats per minute) (120 Bettements par Minute, 2017)
di Robin Campillo

CONCORSO
FESTIVAL DI CANNES
Per BPM (Beats Per Minute) l’equazione che crea l’attivismo è molto chiara: bisogno + civiltà - riconoscimento di diritti. Tutto il film è finalizzato a mostrarla.
Racconta infatti di Act Up Francia, il movimento attivista che negli anni ‘80 lavorava di azioni e irruzioni per sensibilizzare riguardo il problema della diffusione dell’AIDS. Composto quasi unicamente da omosessuali era anche un movimento che, più in generale, sensibilizzava sui diritti gay passando attraverso il bisogno dell’approvazione di medicinali e nuove cure.
Il film di Robin Campillo mostra il movimento da dentro, si sofferma moltissimo sulle riunioni in cui si discute cosa fare, come farlo e che regole o limiti darsi. Si ricostruiscono alcune azioni per capire se sono andate bene o male e perché, si cerca di non perdere la bussola, ci si confronta, si discute e si migliora.

C’è talmente tanto un eccesso di civiltà e “giustezza” nei personaggi di questo film da essere fastidioso. Come già in Polisse (altro film francese ma sulle difficoltà del corpo di polizia che lavora sulla pedofilia che eccedeva in questo senso) anche qui è la voglia spasmodica di essere corretti, di non infrangere nessuna regola, di rispettare tutto e tutti oltre ogni dire a portare i personaggi al ridicolo, in maniera non diversa (se non fosse che è involontaria) dagli attivisti animalisti di Okja.
Gli attivisti del film sono dei santi dal primo all’ultimo. Non applaudono ma schioccano le dita per lasciar parlare tutti e non fare casino, non fanno resistenza alla polizia e si sdraiano pronti a farsi arrestare, partecipano tutti a tutte le discussioni, non cedono a nessun sentimento basso e quando lo fanno è perché stanno per morire.

BPM infatti adora andare sopra le righe, far urlare la disperazione dei malati terminali di AIDS e mettere in scena con grandi eccessi il dolore. Già la teatralità è fastidiosa al cinema, quella finalizzata a sfruttare la malattia poi ha un girone a parte tutto dedicato a sé nell’inferno dei cineasti.
Perché quando Robin Campillo fa agire personaggi imputando a loro la credenza che impressionare il pubblico serva a sensibilizzare in realtà lo sta affermando in prima persona con il suo film. BPM vuole impressionare, vuole scuotere, solo non sa farlo bene, sa solo urlarlo. Che è la maniera più semplice e meno sofisticata, dunque la meno efficace.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.