2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

20.2.18

Eva (id., 2018)
di Benoit Jacquot

CONCORSO
BERLINALE
Il manuale di come rovinare il proprio stesso film potrebbe scriverlo Benoit Jacquot, negli ultimi anni fedelissimo delle trame ben imbastite ma regolarmente rovinate da una insipida voglia di non andare a parare da nessuna parte.
Eva ha in particolare un attacco formidabile, tutto giocato sul montaggio di Julia Gregory e la riduzione delle singole scene all’essenza. C’è più in quel che viene saltato con il montaggio che in quel che vediamo, eppure quel poco che vediamo ci fa capire benissimo cosa sia successo, in pochi tratti abbiamo quadri ampi e la sensazione è sempre che le scene siano ridotte all’essenza da qualcuno che ha capito perfettamente quale sia l’essenza, dove togliere e come ridurre senza perdere in significato (anzi!).

Un ragazzo giovane a tarda notte suona alla porta di una persona anziana, gay, in vestaglia. Situazione da prostituzione domestica. Siamo a Parigi ma l’anziano è britannico, racconta di essere un grande scrittore ora al tramonto con una formidabile opera teatrale appena finita che nessuno gli compra perché lo considerano superato. Non arrivano all’atto sessuale perché lui improvvisamente muore. Il ragazzo che già si era intascato dei soldi e l’argenteria di nascosto, prende anche la sceneggiatura e scappa. Anni dopo quell’opera teatrale è un successo e lui se n’è preso la paternità.

Tutto cospira verso il buon thriller. Entreranno in gioca un’altra prostituta di alto livello (Isabelle Huppert), il problema di realizzare una seconda opera da parte di una persona che ha fatto i soldi ma non sa scrivere, il rapporto morboso con la suddetta prostituta, la mancanza di idee e poi il niente. Ben presto Eva perde tutta la spinta, non sa che fare, annaspa. La sceneggiatura scientificamente sceglie di trascurare tutti gli spunti e ogni angolatura interessante. Non vuole chiudere molte linee di trama, altre proprio non le porta avanti e nel finale fa esplodere eventi clamorosi senza coerenza con il resto della storia.
In teoria il cuore del film dovrebbe essere la relazione tra due persone false in un mondo di bugie a tanti livelli differenti, nella pratica è un delirio di svolte incongruenti fra loro.

Non è possibile davvero cedere ad una così blanda e semplicistica revisione delle regole della scrittura o del genere. Decostruire un thriller o una storia di suspense è sforzo ben maggiore di questo, in cui Jacquot si limita a trattenere delle informazioni e non portare avanti delle svolte, cincischiando fino alla fine con un’irrisolutezza che, qualora fosse realmente il punto della sua decostruzione, costituisce uno degli esercizi più futili degli ultimi anni.
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.