2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

22.7.18

Il Padre Dell'Anno (Father Of The Year, 2018)
di Tyler Spinden

C’è fortissima l’impronta di Adam Sandler in tutto Il Padre Dell’Anno anche se formalmente l’attore e comico è solo produttore di questo film originale Netflix con la sua società, la Happy Madison.

L’umorismo fracassone, fondato su un uso violento dei comprimari, visti come dispositivi di repulsione (l’anziana signora che vuole fare sesso con il ragazzo) o comica violenza (la vicina di casa che guida arrabbiata il pick-up con la piscina). Ma anche il lavorare sul senso d’insicurezza maschile e sui genitori che si dimostrano molto più ragazzini e immaturi dei loro figli. O ancora l’uso comico della rissa e dell’inadeguatezza, è proprio quel tipo di umorismo che Sandler ha fondato prima in tv e poi al cinema, solo che stavolta Sandler non è nel cast e c’è invece David Spade in quello che sarebbe potuto essere il suo ruolo.

Il Padre Dell’Anno è un’altra declinazione di quello che Netflix continua a chiedere ad Adam Sandler, commedie di rapidissimo consumo con un target ampiamente familiare (c’è la storia dei figli, la ricerca del lavoro, gli amori e le difficoltà di essere genitori ecc. ecc.) con un umorismo trasversale, per quanto decisamente poco raffinato.
Un gradino sopra ad esperimenti bassissimi (ma di alto gradimento) come Ridiculous Six, Il Padre Dell’Anno propaga la visione della famiglia calda e necessariamente autoritaria che Sandler propugna da sempre, cercando nell’America provinciale e tradizionale la risposta a tutto.

Un lavoro in città che porterebbe il protagonista lontano è visto come il male, una società che lavora per salvare l’ambiente è un posto di squali bastardi e infine grandi applausi per il ragazzo che sceglie la carriera militare. Poteva essere una specie di revisione (verso il basso) di American Graffiti, con le vite e i destini di alcuni ragazzi dopo la fine della scuola, e invece alla fine è più un Weekend da Bamboccioni, cioè non un film in cui le singole storie contribuiscono ad un unico mood, ma nel quale sono necessari intrecci per l’umorismo fisico e le gag che puntano sulla repulsione.
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.