13.10.05

Immortal Ad Vitam (Immortel (ad vitam), 2004)
di Enki Bilal

Share |

Per chi non lo sa Enki Bilal è prima di tutto un grande fumettista europeo, nato nella ex-yugoslavia, che con i suoi fumetti cyberpunk ha influenzato nientepopodimenoche Ridley Scott per le estetiche di Blade Runner. E' insomma qualcuno Enki Bilal, ed i suoi fumetti (su tutti la Trilogia di Nikopolis) sono stati da poco ristampati per la Serie Oro di Repubblica.
Detto questo Immortal Ad Vitam viene dall'unione di alcune delle sue storie (ma più di tutte si distingue la trilogia di Nikopolis), ed era lecito aspettarsi la solita trasposizione senza senso alcuno da fumetto a film. Invece Bilal fa quasi tutto da solo e adatta benissimo le storie, mantenendo la base (personaggi ed ambientazione) ma cambiandone ruoli, identità ed anche in alcuni tratti carattere. La storia ruota sempre intorno al dio Horus ed alla ricerca dell'immortalità, ma con una trama completamente diversa, adatta ad un film da un'ora e 40 minuti.
Ma in un film di Enki Bilal non è certo al contenuto che si guarda per primo. La forma è eccezionale anche se la tecnica non è impeccabile, molti effetti digitali sono poveri (il film è una coproduzione italiana, francese ed inglese), ma sicuramente ci sono un mare di idee. Bilal non si fa mancare nulla, attinge alle idee grafiche che aveva usato nei fumetti e ne aggiunge di nuove, soprattutto sperimenta un film ibrido con 4 attori in carne ed ossa e tutti gli altri personaggi digitali, anche quando si tratta di esseri umani (no come Guerre Stellari dove gli umani fanno gli umani e gli alieni sono digitali), alcuni personaggi poi sospetto fossero reali solo dal collo in giù.
La cosa più sorprendente di tutte rimane la capacità di coinvolgere anche con questo prodotto ibrido. Non mi è sembrato un capolavoro Immortal Ad Vitam, ma (sarà perchè ho letto il fumetto e già ne ero innamorato) coinvolge ed emoziona, stupisce ed appassiona. E' un prodotto serio di fantascienza all'europea, che non divide le cose in due ma le affronta non pretendendo di risolverle.
Peccato per alcune scelte di narrazione abbastanza infelici, come personaggi che appena entrati in scena con squallidi stratagemmi raccontano tutta la propria storia, o porzioni di trama che non potevano essere rappresentate che vengono raccontate senza che ce ne sia una precisa motivazione logica.
Bello che gli attori siano stati scelti con cura per somigliare ai disegni (nell'estitca di Bilal la forma dei visi ed il tipo di corpi è fondamentale) e una caratterizzazione del futuro che può semprare balderunneriana, ma come già detto è Blade Runner ad essere bilaliano.





11 commenti:

tony ha detto...

Il film l'ho trovato veramente approssimativo. Una poracciata.

Lui, vabbè, un mito d'altritempi.
Cliccando sul suo nome mi sarei aspettato questo link, http://www.humano.com/bilal/ , il sito ufficiale.

gparker ha detto...

Scusa per l'imprecisione del riferimento, lo ammetto, ho fatto le cose di fretta. Ma ora ho corretto.
No il film non l'ho trovato una poracciata. Certo si regge molto sulle trovate dei suoi fumetti, ma del resto quello è lui, e mi è piaciuto tanto l'ibridazione digitale/reale che all'inizio mi infastidisce pure perchè sono animazioni da due soldi, ma alla fine mi prende.
A me ha convinto. E poi quei personaggi uguali ai disegni è il massimo, cioè è così ragionevole da rendersi conto che sono QUELLE fisionomie a fare la differenza. Sono le fisionomie del cyberpunk.

frankie666 ha detto...

Ragazzi ho un fumetto da farvi leggere.... Ronin di Frank Miller... La conferma alla mia tesi che Miller riesce a dominare il medium fumetto in maniera pazzesca. Ci fa quello che vuole....

Mariolone ha detto...

pensare che è un anno che l'ho preso e ancora on l'ho visto

gparker ha detto...

Immortal Ad Vitam?
Se non ti piace ti capisco, eppure per me ha avuto il suo perchè. Ma ammetto che il fumetto mi ha folgorato a tal punto, che già quando vedo quei capelli blu, quel tipo di elementi estetici sbrocco.

frankie666 ha detto...

ti piacciono i capelli blu? Nelle donne magari???

gparker ha detto...

No mi piacciono quei disegni, ed il suo stile (fatto anche di capelli blu) mi riporta subito alle sensazioni di quelle storie...

tony ha detto...

Bhè se gli piacessero i capelli blu negli uomini lo troverei peggiore!

gparker ha detto...

Ma non è tanto il capello blu... E' più quello che c'è intorno.... Poi il capello blu mette la ciliegina sulla torta.

frankie666 ha detto...

Ho capito, dunque ti piacciono i capelli blu negli uomini.............

Sindrome da Puffi?

citizen erased ha detto...

Io l'ho trovato un ottimo film. Mi è piaciuto molto, anche se gli effetti speciali sono un po' scarsi, è decisamente meglio di alcuni film di fantascienza hollywoodiani strapieni di grafica avanzatissima ma che alla fine non servono a niente.