2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

19.9.06

Strade Di Fuoco (Streets Of Fire, 1984)
di Walter Hill

L'idea di cinema di Walter Hill è quella di un racconto narrato senza enfasi sulla forma della narrare e sui mezzi di messa in scena ma con ritmo e asciuttezza, l'idea di mondo è quello di un aggregato di microuniversi non comunicanti fra loro.
Che siano le bande notturne di New York o i detenuti delle prigioni, poco importa, ciò che accade in questi microuniversi per sconvolgente o non influente che sia non interessa agli altri.
Questa volta a pochi anni da I Guerrieri Della Notte si torna a parlare di bande e notte nella metropoli (ma adesso è Chicago). A fare da ponte con il grande successo di Hill non è solo la tematica ma anche il direttore della fotografia Andrew Laszlo che porta alle estreme conseguenze le scelte estetiche de I Guerrieri, una città notturna deserta e silenziosa ma illuminata a tinte fortissime (questa volta sono i neon anni '80) e permeata da un'aria retrò. Un presente anni '50 si direbbe, una scelta estetica che rispecchia quella di girare un noir avventuroso, musica di sassofono, alcol, bar e personaggi perduti. Eppure quella del noir è solo una traccia estetica e di linguaggio perchè il vero genere di Strade Di Fuoco (e questo dimostra anche quanto i due generi in fondo si somiglino) è il western.
In Strade di Fuoco confluisce tutta l'evoluzione del genere, da Ombre Rosse a L'Uomo Che Uccise Liberty Valance.
Ancora una volta c'è un'odissea metropolitana di un gruppo ma in questo caso non è una banda bensì un insieme eterogeneo non dissimile a quello della carrozza di Ombre Rosse, gli strati integrati della società assieme ai reietti e ognuno sta con i propri simili. Eppure nonostante l'eroe esca vincitore anche dal rituale duello finale con il cattivo (non con le pistole ma a martellate in faccia) e soprattutto nonostante il cattivo sia il grandissimo Willem Dafoe, non ci sarà gloria, non avrà l'amore della sua donna nè una ricompensa solo ulteriore solitudine.

Incredibile come a fronte di tanto sforzo, tanti dotti riferimenti e interessanti parabole il film valga veramente poco. Banale, noioso e lento, si fa fatica a pensare che sia stato ideato e diretto dalla medesima persona. Non c'è commozione, non c'è emozione e i personaggi non vanno più in là del repertorio di frasi da duri che pronunciano. Come nel caso di I Guerrieri Della Notte preferisco pensare di essere stato di fronte ad un film che non ha retto la prova del tempo piuttosto che essere stato di fronte ad una vaccata.
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.