7.9.07

Sorgo Rosso (Hong gao liang, 1987)
di Zhang Yimou

Share |

Il primo lungometraggio diretto da Zhang Yimou dopo un lungo periodo in cui aveva lavorato unicamente come direttore della fotografia risente moltissimo di questa impostazione e (come del resto molti dei suoi futuri lavori) del periodo trascorso forzatamente nelle campagne cinesi.
Sorgo Rosso è una storia che basa la sua narrazione sul simbolismo cromatico che ha chiaramente nel rosso il punto focale. E' il rosso del vestito da sposa di Gong Li nella magistrale sequenza di seduzione iniziale, poi c'è il rosso del vino, il rosso del sangue e del sole. In molte sequenze anche la dominante è rossa, oltre all'ovia presenza di elementi rossi, e pure la negazione del colore in questione ha un significato (ne sono sprovvisti i giapponesi invasori per esempio).
Ambientato, come si conviene, in un passato che non ha riferimenti espliciti all'attualità Sorgo Rosso è, per la società cinese, modernissimo già a partire dalla trama che vede una giovane donna dichiarare e cercare la propria indipendenza dalle leggi ancestrali che la vorrebbero data in sposa ad un vecchio in cambio di un mulo. E invece la ragazza prende le redini della propria vita e il comando di un distilleria dove si coltiva il sorgo e lo si trasforma in vino.

Come spesso in Yimou non c'è l'amore al centro ma una passione separata dal sentimento amoroso, passione che è quasi un elemento della vita quotidiana al pari della fame e non superiore ad esso, un elemento dato per scontato ed utile al regista per portare avanti le sue considerazioni e la trama.

Impagabile la scena dell'amplesso nel campo di sorgo (foto centrale) e il protagonista che ogni volta prende la donna di forza come fosse un animale e la porta via.

6 commenti:

Fabio ha detto...

Questo non l'ho visto. Non sapevo che Yimou avesse fatto il direttore della fotografia... è sempre stato uno degli aspetti che ho amato di più in tutti i film che ho visto di lui. Ci sono fotogrammi di Lanterne Rosse e di The Road Home che mi appenderei in stanza (se solo potessi averne una stampa decente).

Ma dalle pellicole originali, quelle che mandano al cinema, in genere si può tirar fuori una bella versione HD del film?
Voglio dire... la versione DVD è decisamente sottocampionata anche quando parliamo di film che sono antecedenti l'era digitale, dico bene?

(la domanda sottende il desiderio di poter vedere Lanterne Rosse in HD)

frankie666 ha detto...

Guzzanti quando faceva Lorenzo Critico Cinematografico, cominciava sempre le sue frasi con:
"Impagabile 'a scena dell' amplesso nel campo di sorgo..."
Renditi conto, mi stai diventando uno stereotipo.

Mariolone ha detto...

si e poi avresti dovuto mettere un link di wikipedia alla parola "sorgo"...che cazz'è il sorgo???

gparker ha detto...

Pensavo che tutti conoscessero la notissima pianta del sorgo dalla quale i cinesi fanno il vino.

Mariolone ha detto...

ahh sarà perchè sono astemio...ma a parte il tavernello pensavo che il vino si facesse solo con l'uva

JanL ha detto...

Un film contro ogni forma di dominazione. E viene dalla Cina degli anni 80.