2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

26.5.08

Dichiarazioni che si commentano da sole

Sembra che la Microsoft si appoggerà alle visioni di Michael Eisner per la sua politica di contenuti.
Micheal Eisner è l'ex numero uno di Disney (per tutto il periodo '80 - '90) e ora padrone di Vuguru, una società di produzione di serie per internet che ha dato vita al pessimo PromQueen e al mediocre All For Nots.
Ma è un imprenditore Eisner, e di tutti quelli che producono per la rete lui è l'unico che fa soldi, ha conoscenze e competenze, trova sponsor e li gestisce, piazza le serie e raccimola anche molte visite. E' insomma un'autorità perchè lo dicono le views degli episodi delle sue serie ma non perchè queste valgano. Come si intuisce inoltre qui non riscuote simpatie. Anzi.

Ora dunque Microsoft lo chiama a parlare all'advance08 e lui espone il suo Content Manifesto, cioè dove stia andando la rete (verso i contenuti e le storie). Eisner (lo preciso per chi non lo sapesse) ha tipo 160 anni.
Via con i contributi
YouTube is celebrated as a completely revolutionary concept — and it is. The ability for anyone, anywhere to create and distribute short-form entertainment that can be seen by anyone else, anywhere else is an extraordinary development. But in many ways, YouTube is very old news. It is to the Internet what the nickelodeon was to the movies — a very preliminary installment of what is to come.
E cosa è il nuovo? Gli utenti.
Internet users…will stay with a story for as long as it’s good. It’s not just 90 seconds or two minutes. They’ll stay with a story if it’s 10 minutes, 20 minutes, even 30 minutes.

6 commenti:

frankie666 ha detto...

mi sembrano affermazioni oltremodo banali, sbaglio?


gparker ha detto...

Più che altro lui sostiene che il futuro sia il passato. Cioè che il futuro non sia Youtube ma contenuti sempre più lunghi di 10, 20, 30 minuti, come per la televisione.
Non tiene conto della partecipazione dell'utenza nè della possibilità di raccontare cose nuove e diverse in modi nuovi e diversi. Ma del resto questo lo si vede da ciò che produce.


frankie666 ha detto...

quindi se capisco bene, lui crede che il futuro delle produzioni per la rete sia di diventare simili a quelle televisive...?
In effetti non sarebbe una novità,ma una traslazione...


gparker ha detto...

Non l'ha mai detto in maniera esplicita e secondo me se glielo chiedi direttamente ti risponde che non crede che debba essere come la tv.
Ma poi quello che descrive come il futuro di internet (visto che poi ritiene YouTube il passato) somiglia molto alla tv.


Mariolone ha detto...

potevi andare a chiederglielo direttamente...


Mariolone ha detto...

Completamente Off topic: Franco il mio nuovo capo è il tuo sosia gemellare identico


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.