2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

19.11.10

Il consumo digitale in Italia nel 2010

Sono stato alla presentazione dei risultati dell'osservatorio sul digitale in Italia. Convegno con tutti i rappresentanti delle categoria della produzione culturale più i vari SIAE, UNIVIDEO ecc. ecc.

In particolare ho parlato dopo il convegno con Riccardo Tozzi di Cattleya e gli ho chiesto perchè niente titoli italiani sull'iTunes Store? La risposta non è stata conciliante.
"No, non ci siamo su iTunes! Non ci siamo perché i distributori tengono i diritti di sfruttamento on demand e fanno melina. Sono anni che gli chiediamo di andare in Rete, vogliamo tutti andare online a prezzi molto molto abbordabili, ma niente! Ogni volta ci dicono che stanno per muoversi e invece non succede nulla" Ma di quali distributori stiamo parlando? "Tutti! Medusa, Rai Cinema, Warner ecc" ha concluso.

Già nel suo intervento aveva spiegato che "Il cinema italiano non è messo male. Abbiamo il 30 per cento del mercato domestico, percentuale ottima, più di noi in Europa fanno solo i francesi con il 37 per cento, ma loro hanno molti incentivi statali. Altri stati come Spagna o Inghilterra stanno invece intorno al 10. Dunque i prodotti italiani vanno bene ma non possiamo contare sulla politica per la distribuzione digitale, i pirati sono tanti, più di noi e il governo va appresso a loro. Un decreto contro la pirateria c'è ma non viene applicato. Certo è che se vogliamo davvero chiedere la repressione - ha spiegato Tozzi - prima dobbiamo creare un'offerta, prima di scagliarci contro il mercato nero serve aver messo in piedi un mercato bianco".

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.