2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

7.4.11

31: The Series

In lode della brevità sono stati battuti milioni di tasti, postati milioni di post e tweettati milioni di tweet, almeno da quando la rete ha cominciato ad essere un luogo visitato e riempito di contenuti ad un livello tale che l'attenzione è diventata la risorsa principale da spartirsi. Così il mantra "less is more" è diventata un'esigenza e al pari del testo anche il video, online, ha subito una fisiologica (e sana) contrazione. Le produzioni per internet da sempre vincono con la brevità, 4-5, massimo 8 minuti, 10 se proprio il contenuto è fenomenale. L.C. Cruell ha esagerato. E ha fatto bene.

Raccontare una storia in episodi dalla durata di 31 secondi è infatti il format alla base di 31: The series, la serie scritta, prodotta e diretta da Cruell. Episodi non autoconclusivi e non a sfondo comico (almeno per ora) messi online ogni giorno. L'esperimento è appena iniziato, solo 7 giorni e quindi 7 episodi, ma per quanto è dato vedere fino ad ora le idee non mancano.
31: The series non spezzetta in piccole parti una storia grande, già scritta e girata, non ricicla in bocconi minuti qualcosa concepito per essere grande, ma idea briciole di narrazione che unite formino un grande disegno. Ogni episodio ha una struttura compiuta nonostante la durata esigua e si chiude con un cliffhanger. Certo, data la brevità il colpo di scena o il gancio che spingono alla visione dell'episodio successivo non possono essere ogni volta clamorosi, ma il modo in cui Cruell parte da una situazione misteriosa (una ragazza si risveglia chiusa in una cassa) in cui ogni elemento nuovo può costituire un indizio e utilizza questi come gancio ha del magistrale. L'idea del rimando infinito e della continua frustrazione davanti ad un lentissimo svelarsi delle cose sembra, in piccolo, quella che ha decretato il successo di Lost, ma se lì per ogni indizio arrivavano due nuovi misteri, qui, iniziando con una totale assenza di elementi per immaginare la storia, ogni indizio apre un numero sempre maggiore di possibili sviluppi.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.