2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

11.7.12

Lo spaventapassere (The sitter, 2011)
di David Gordon Green

PUBBLICATO SU 
Fin dalla locandina statunitense l'intenzione di Lo spaventapassere è chiara e potrebbe essere definita come nerdxploitation, cioè la volontà di sfruttare al massimo in qualsiasi situazione e senza eccessiva meticolosità nella scrittura, lo stereotipo del nerd creato intorno a Jonah Hill da molti degli ultimi film cui ha preso parte. Già da quel volto mezzo spiritato che richiama la medesima espressione nella locandina di Superbad è chiaro che Lo spaventapassere nasce sotto gli auspici peggiori. Ci vogliono però gli 81 minuti di durata per decretare che nemmeno la maestria di David Gordon Green l'ha potuto salvare.

La storia si racconta in due righe, come per i film con Franco e Ciccio. Jonah Hill, vive ancora con i suoi e ha difficoltà con le ragazze, accetta di fare da baby sitter a tre bambini (di cui uno adottato) proprio nella sera in cui rimediare un po' di droga potrebbe fruttargli del sesso, o almeno così pensa. Il resto sono situazioni in cui il protagonista è messo in difficoltà dal contrasto tra il mondo dello spaccio di droga e il fatto di essersi portato appresso i tre bambini.
In quest'odissea però ogni situazione rimanda a qualcos'altro, ogni idea appare derivativa e la brutta copia di una gag già vista o di un momento già conosciuto. 

Mentre Strafumati (ad oggi forse il film migliore e più disinvolto nella sua follia di David Gordon Green) era scritto da Seth Rogen e Evan Goldberg (Da Ali G Show, I simpson, Superbad, Green Hornet), qui la sceneggiatura è firmata da Brian Gatewood e Alessandro Tanaka, che al proprio attivo contano solo la serie tv Animal Practice e che dimostrano di non avere eccessivo interesse in questo tipo di comicità e nelle possibilità del filone cui Lo spaventapassere vorrebbe appartenere.
Non è infatti la mancanza di originalità ad annoiare, quella spesso contamina anche il cinema migliore, quanto la mancanza di interesse e di partecipazione di chi scrive nella materia raccontata. Le migliori commedie sul nerdismo contemporaneo hanno dato prova di riuscire a trattare i propri soggetti con il medesimo atteggiamento con il quale i nerd sono soliti trattare se stessi e i propri amici, affiancando ad una presa in giro spesso feroce anche un affetto che passa sottopelle, senza enfasi e con molta malinconia.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

“C'è remake e remake, c'è trasposizione e trasposizione.” (G. Niola, 2012)

Ricordo con una certa nostalgia Elisabeth Sue che balla nella sequenza iniziale di “Tutto quella notte” (Adventures in babysitting, 1987) e non posso non interrogarmi sul senso di tali remake.


Alessandra ha detto...

Strafumati effettivamente era piaciucchiato anche a me. Questo non mi ispira moltissimo, anche se apprezzo Jonah Hill.

Ale55andra


Gabriele Niola ha detto...

anonimo: magari fosse come 21 jump street, la presa per il culo di tutti i remake

Alessandra: si ma qui lui fa il verso a se stesso...


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.