2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

15.10.12

Total Recall (id., 2012)
di Len Wiseman

PUBBLICATO SU 
Già Atto di forza (ammettiamolo, era un titolo davvero azzeccato per l'avventura tutta forza e corpo di Schwarzenegger) partiva dai presupposti del racconto di Dick "Ricordiamo per voi" per poi andare a parare dove interessava a Paul Verhoeven (mutanti, Marte, alieni, carne che si apre in due, teste che esplodono), figuriamoci il remake di Len Wiseman!
Il Total Recall del 2012 parte dai medesimi assunti di Atto di forza e per il primo tempo ne replica la storia, ricalcando anche alcune scene famose (il metal detector, la donna con tre tette) e mettendo sostanzialmente in scena la propria inadeguatezza, sebbene incastri la storia in un altro scenario. Non il mondo metallico e gretto di Verhoeven, ma uno fatto di esterni alla Blade Runner (pioggia, costruzioni aggressive e macchine volanti) uniti ad interni da Minority Report (design, minimalismo e molto bianco), costruendo un mondo poco coerente e tanto meno coinvolgente, quanto più se ne riconoscono i modelli troppo esplicitamente. Ma fosse quello il problema!

Le corse di Colin Farrell, braccato dalla polizia e da quella che credeva essere sua moglie, ricordano più Jason Bourne che altro, un uomo che, nel tentativo di farsi impiantare dei ricordi scopre che proprio quelli che crede essere i veri ricordi sono quelli impiantati, in corto circuito nel quale (e qui siamo più vicini a Philip Dick di quanto non volesse Verhoeven) alla fine si gira intorno all'impossibilità di capire cosa sia reale e cosa indotto.
A Wiseman tutto questo sostanzialmente non interessa quanto il fascino dell'inganno (neanche fosse John Woo) e il dinamismo esasperato. Tuttavia non è così abile da girare un film cinetico al punto da vincere su una trama senza spine.

Ma il punto più fastidioso è che non si tratta di fantascienza, quanto di azione nel futuro. Total Recall è fantascienza quanto Underworld è orrore. Del genere ricalca stili e immagini tipiche senza mai centrarne il punto o il mood. Le macchine volanti sono solo un elemento di uno scenario in cui accade ciò che capita in tutti gli altri action generici.
Il risultato è un film che non annoia ma nemmeno appassiona, che sfiora vagamente il tema dell'incertezza identitaria in un mondo in cui la tecnologia può influire sulla mente umana e che sottomette l'azione alla visione di futuro, quando semmai la prima dovrebbe essere un corollario utile a movimentare la trama che racconta la seconda.

7 commenti:

Pietro Bianchi ha detto...

Ma la Lucchese (la donna con tre puppe) nonj era in Star Wars?


Gabriele Niola ha detto...

no no
rigorosamente atto di forza, non ce la vedo nel puritano universo Lucas


Pietro Bianchi ha detto...

C'era, nel primo film uscito (capitolo IV). Era nel bar in cui Obi Wan e Luke entrano per cercare una nave..


Gabriele Niola ha detto...

davèro??


frankie666 ha detto...

Miglior scena del film, le due pischelle che si gonfiane nell'ascensore. Si menano a sangue!

Colin Farrell non lo sopporto quasi piu. Nella sua carriera ha avuto un sacco di ruoli della madonna che non ha mai saputo sfruttare.


Pietro Bianchi ha detto...

Si, controlla.


Gabriele Niola ha detto...

confermo su Colin Farrel


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.