2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

6.4.13

Bianca come il latte, rossa come il sangue (2013)
di Giacomo Campiotti

PUBBLICATO SU 
Tratto dall'omonimo libro di Alessandro D'Avenia, Bianca come il latte, rossa come il sangue è un epifenomeno di quel trend iniziato da Federico Moccia: narrativa sentimentale per l'adolescenza che in virtù del successo letterario passa al cinema, cavalcando volti nuovi del cinema (in questo caso Filippo Scicchitano) e riproponendo sempre la medesima tipologia di instant-sentimentalismo.
La storia stavolta è di un ragazzo del liceo innamorato perdutamente di una ragazza poco più grande, che non si accorge che la sua "amica" in realtà non ha occhi che per lui. Ma più che il triangolo sentimentale quello che al film interessa è l'esposizione di una personalità maschile passionale, sognatrice e romantica al massimo. Le ragazze sono oggetti del desiderio utili a quest'esposizione.

E' questa la più grande differenza rispetto al modello di Moccia, in cui invece il protagonista vero, sotto mentite spoglie, è la ragazza, mentre le figure maschili, pur essendo i motori della storie, sono e rimangono gli oggetti del desiderio, i personaggi "guardati" dallo sguardo che regge il film, in questo senso più approfonditi, sfaccettati e fedeli agli stereotipi virili sul genere. D'Avenia invece mette al centro di tutto un ragazzo che guarda due ragazze con le sue inquietudini, i suoi movimenti interiori, donandogli indecisioni e lotte intestine che somigliano molto al modo femminile di vivere i sentimenti.
Nell'adattare il materiale letterario il film sceglie di puntare smaccatamente sul registro di commedia (cosa che invece i precedenti sul genere in linea di massima evitavano), con una famiglia macchietta e sdrammatizzanti scene di vita scolastica che diluiscono il dramma della malattia che domina la seconda parte del film.

Oltre a questo Bianca come il latte, rossa come il sangue è eccessivamente modellato su un'epica della vita scolastica che non si nega nulla, nemmeno la figura del professore-amico interpretato da Argentero (D'Avenia stesso è professore di liceo) o la più classica delle sfide risolutive nel torneo di calcetto dell'istituto, e pur passando sopra ad un invadente placement di Enel, non è possibile non notare la difficoltà nel bilanciare tutti i diversi registri che desidera mettere in scena. 
L'estremo dolore della malattia, l'estrema passione dell'amor giovanile, l'estremo patimento e l'estrema preoccupazione dei genitori. Teso tra mille istanze Bianca come il latte e rossa come il sangue sbanda costantemente nella retorica e nello smielato, a partire dall'insistita metafora del titolo. Forse la cosa più fastidiosa in assoluto.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

grеat comρarіѕon between 2 νeгy gooԁ electric cigarettеs and I
agrеe that having nicotіne cartriԁgеs is а gгeat reaѕon why yоu
should ѕpend a littlе extra.

Μy web ѕite - green smoke electronic cigarette review


marco46 ha detto...

Concordo: è un film MIELOSO e macchiettistico
PECCATO perché il romanzo (che le tinte del dramma e non della commedia) meritava una versione migliore
Scicchitano sarà anche simpatico (non a me) ma ha 20 anni (a quell'età si va all'università, non al liceo)
per non parlare dell'attore che fa Niko: ha quasi 23 anni!!! e sta ancora in prima?


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.