2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

20.8.13

Io sono tu (Identity thief, 2013)
di Seth Gordon

PUBBLICATO SU 
Costruito e promosso per cavalcare una delle molte "novità" della modernità, il furto d'identità, reato e quindi termine di moda, paravento d'originalità dietro il quale costruire una trama estremamente canonica da road movie di coppia, che mette insieme i consueti opposti: preciso e portatore di caos, Io sono tu mette Jason Bateman a confronto con Melissa McCarthy, per esaltare il talento comico della seconda senza sfruttare le capacità del primo, relegato a mera spalla.
Non siamo insomma dalle parti più sofisticate di Parto col folle, in cui Robert Downey Jr. duettava con maggior complessità e consapevolezza con il casinista Galifianakis. Qui la coppia è contabile/criminale, solo un po' vivacizzata dalla presenza di due sessi (ma le opportunità sono tutte smussate in favore di un buonismo familiare spinto che rivela il vero target del film, quello femminile).

Continua insomma la lenta china discendente di Seth Gordon, regista esploso con lo straordinario documentario King of Kong, poi acquistato dal cinema di Hollywood più becero con Tutti insieme inevitabilmente (commedia sul Natale molto più originale di quel che sembri con più di un livello di lettura e non poche arguzie), passato per la tv con la guest direction di diverse serie comiche e poi di nuovo al cinema con il suo maggiore successo, Come ammazzare il capo... e vivere felici (comunque non a livello di Tutti insieme inevitabilmente), è ora disceso al film-veicolo, ovvero quelle pellicole pensate intorno ad un attore e al suo tipo di comicità per sfruttarne il successo momentaneo. 

E' Melissa McCarthy l'attrice da veicolare in questo caso, dopo l'esplosione con Le amiche della sposa la sua comicità totalmente maschile tradotta in un corpo femminile esagerato è stata sfruttata da più parti, culminando in questo film disegnato intorno a lei, il primo della sua carriera.
Sceneggiato da uno degli scrittori della saga di Scary Movie, Io sono tu non rimesta nello squallido come la saga che parodia l'horror ma ne ha tutta la superficiale innocenza. Se McCarthy con i suoi lineamenti fuori dal comune doveva incarnare il devastante, il diverso, l'eccessivo e l'anarchico (almeno questo sembrava fare in Le amiche della sposa e questo sulla carta sembra il suo personaggio in Io sono tu) l'obiettivo è totalmente fallito. La sua ladra d'identità senza nome è una fuggiasca tra le più innocenti e una casinista tra le meno sofisticate. Se invece non doveva essere così è ancora più triste.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.