2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

11.9.13

Una fragile armonia (A late quartet, 2013)
di Yaron Zilberman

PUBBLICATO SU 
Musica da camera per drammi da camera. Yaron Zilberman scrive e dirige una piccola opera di umanità per sineddoche. La metafora che fa da ossatura al film la spiega inizialmente Christopher Walken (e nonostante la spiegazione esplicita in faccia allo spettatore non sia mai il massimo stavolta il racconto è così ben scritto da essere tollerabile): l'Op.131 di Beethoven è un quartetto in 7 movimenti pensato per non avere pause, il problema nell'eseguirlo è che dopo un po' gli strumenti si scordano dunque o ci si ferma andando contro la volontà dell'autore o si procede senza pause cercando di aggiustarsi a vicenda mentre si avanza.

I protagonisti sono i membri per l'appunto di un quartetto e uno molto famoso, tra i più noti e apprezzati al mondo, con una ventina d'anni di successi alle spalle. Quando uno di loro annuncia agli altri che gli è stato diagnosticato il parkinson e quindi il prossimo concerto (proprio l'Op.131 di Beethoven) sarà il suo ultimo tutti gli equilibri tenuti a fatica per anni saltano, rivelando rancori, incomprensioni e aspirazioni a lungo sopite.
Un film come Una fragile armonia si regge dunque inevitabilmente sulla scrittura e Zilberman non fallisce, non cerca per nulla l'assoluzione facile dei personaggi nè sfrutta la musica come il facile grimaldello per scatenare empatia. Ogni brano della colonna sonora (esclusi quelli originali) è infatti utilizzato in chiave antisentimentale. 

Soprattutto è il rapporto con la classica ad essere finalmente profondo, empatico e significativo. Solitamente Hollywood ha con la musica classica (come con altre attività di nicchia tipo gli scacchi) un rapporto di distante mitologia, la vede come un miraggio distante, la usa per definire stereotipicamente i personaggi oppure per generare facili commozioni come fa anche il non-hollywoodiano Il concerto di Mihaileanu, campione di sfruttamento becero della mitologia popolare che esiste intorno alla classica. 
Una fragile armonia invece, nonostante non raggiunga le vette ossessive di Shine, rappresenta il mondo della classica come un ambiente feroce e competitivo in cui la musica è quasi secondaria, per tutti tranne che per il vecchio Walken, riuscendo anche nel finale a dare senso alla classica performance dal vivo di chiusura.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.