2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

18.11.13

E' difficile essere un Dio (Trudno byt bogom, 2013)
di Aleksey German

FESTIVAL DEL FILM DI ROMA 
FUORI CONCORSO

PUBBLICATO SU 
Ci sono sempre i piccoli mondi nei film di German. Alle volte è un paesino di provincia, alle volte è la steppa russa con il suo ecosistema, altre ancora è un palazzone e i suoi appartamenti, stavolta è proprio un pianeta, rimasto all'età del medioevo, che il protagonista esplora. Questi mondi il regista russo li mostrava per scenette, godendo degli esterni e realizzando film di grandissimo respiro, E' difficile essere un Dio esaspera tutto ciò in un tour de force che pare unico. Per 170 minuti la steadycam segue i protagonisti mentre attraversano castelli, borghi, paesi e campi, senza passare mai due volte per lo stesso posto in un tripudio di dettagli, comparse e set ricostruiti che impressiona e non può non colpire.

La storia è quella di uno scienziato mandato sul pianeta in questione per fargli superare nella maniera migliore l'età medievale, ma l'impresa di agevolare l'evoluzione è difficile e lo fa sentire come un Dio. Non si pensi però alla fantascienza, di cui non c'è traccia, E' difficile essere un Dio è un film di sangue, interiora (anche umane), tantissima pioggia ed escrementi, vomito, sesso, corpi mutilati e fango.
Tenendo sempre tutto vicinissimo all'obiettivo German satura ogni sequenza di elementi, disegna ogni momento con una ricchezza di dettegli che è impressionante e lavora nello spettatore perchè dà vita ad un mondo che pare esistere sul serio e non (com'è) essere stato costruito ad arte.
Questo mondo così ricco, eccessivo, disastroso, animalesco, schifoso e violento è reso con un una "biodiversità" impressionante. Non solo gli scenari infatti ma anche le comparse e gli animali non passano mai due volte ma si avvicendano di continuo, ognuna con un personaggio, un trucco, dei costumi e delle battute proprie.

Se Proverka na dorogakh sembrava un film girato DENTRO la neve, questo sembra fatto DENTRO il fango, sembra non avere più interesse negli esseri umani che negli escrementi che escono dagli animali, dimenticando le idee di contaminazione con i generi canonici di Khrustalyov, my car! (come si diceva la fantascienza alla fine è totalmente assente).
Sebbene la trama praticamente non ci sia e E' difficile essere un Dio sia una grande esplorazione di un mondo che non si riesce a far evolvere (l'idea sarebbe cercare di salvare gli intellettuali e gli artisti), è impossibile non riconoscere la straordinaria messa in scena che usa l'opulenza visiva per creare l'impossibile, cioè il vasto nel particolare. Per sua natura infatti l'obiettivo inquadra una parte del reale, ma il flusso della steady di German è talmente coinvolgente e il suo sguardo sulle cose è così curioso (da vero esploratore) che pare comprendere tutto come se non fosse stato lui a costruire/volere/progettare questo viaggio e quelle scene.

L'incredibile nell'incredibile è poi il fatto che durante la proiezione del film al Festival di Roma, in una scena (come molte) di grande caos e presenza d'animali, sia entrato in sala, non è chiaro come, un uccello reale che, passando davanti allo schermo, ha creato un momento di un surreale raro.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.