2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

18.11.13

TIR (2013)
di Alberto Fasulo

FESTIVAL DEL FILM DI ROMA 
CONCORSO

PUBBLICATO SU 
La storia di Branko è quella di un uomo che per mantenere la famiglia sceglie di smettere il suo lavoro da insegnante e cominciare a fare il camionista, in questa maniera guadagna il triplo anche se è sempre in viaggio, dunque lontano dai suoi cari.
Personaggi finti in contesti veri, il melange di Fasulo prevede di inserire una storia finta (quindi recitata da attori) in un ambiente reale (dunque sul serio a macinare chilometri su un camion a contatto con quel che accade davvero nel mondo dei camionisti), un attore che parla al telefono con i suoi cari o dialoga con un compagno e si trova di fronte alle lotte degli altri camionisti per condizioni di lavoro migliori o, più in grande, all'alienazione di quel mestiere.

Non è lo spunto ad essere nocivo al film (anzi!) quanto la programmatica volontà di Fasulo di azzerare le componenti filmiche per concentrarsi unicamente sul più neutro dei punti di vista. La storia di Branko è indubitabilmente più documentario che finzione, almeno per come è girata, un documentario inteso come si faceva un decennio fa, cioè il tentativo di riprendere la realtà per quel che è, inserendo quanto meno possibile le forzature del cinema e soprattutto raccontato in chiave antinarrativa.
Così i viaggi di Branko non sono (nè sembrano, cosa ancor più grave) lunghe epopee ma solo lunghi viaggi. Le sue soste non sono (nè sembrano) momenti di stasi o decompressione ma solo soste. E via dicendo.

Gli unici momenti in cui TIR sembra voler suggerire qualcosa, quando fornisce l'indizio della precedente professione del protagonista o quando lo fa incontrare con un gruppo di camionisti che protestano per condizioni migliori, va a parare dalle parti più ovvie in assoluto, azzardando anche un paragone (che sia ben chiaro rimane solo teorico) tra quel lavoro e la condizione di tutte le altre persone che lavorano in Italia. Il camionista che cerca di fare la sua parte, guadagnare di più per la propria famiglia ricevendo in tutta risposta l'allontanamento da questa (cioè una vita peggiore) è la grande metafora di quel che accade oggi nel paese. 
Decisamente poco e totalmente senza senso i paragoni con GRA, film con cui questo non condivide nessuna componente.

3 commenti:

alp ha detto...

concordo su tutto


Gabriele Niola ha detto...

amen e così sia


Flavia ha detto...

Un Amen anche da parte mia.


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.