2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

17.12.13

I sogni segreti di Walter Mitty (The secret life of Walter Mitty, 2013)
di Ben Stiller

PUBBLICATO SU 
E siamo a 5. Cinque film diretti da Ben Stiller, 5 titoli molto diversi fra loro ai quali ora si aggiunge questo remake che non è tale (un giorno poi parleremo diffusamente di quanto sia sbagliato definire questi anni privi di idee se poi dei molti remake che vediamo quasi nessuno è uguale all'originale), un film con molta poca commedia e parecchio spiritualismo laico.
Lo spiritualismo laico è quella forma di animismo e quell'atteggiamento nei confronti della propria vita da "Non sprecare nemmeno un  momento, la vita è preziosa" totalmente svincolato da qualsiasi religione. In anni di multiculturalismo e grande tolleranza, simili messaggi non vengono più associati alle specifiche religioni come una volta ma asciugati di ogni riferimento preciso per diventare inni indeterminati, esortazioni buone per qualsiasi cultura all'insegna di un generico positivismo o per l'appunto spiritualismo.

A farne le spese stavolta è solo la modernità. Walter Mitty si occupa dell'archivio fotografico a Life la prestigiosa rivista fotografica americana, lo fa da almeno 15 anni e ora è arrivato il momento della chiusura e trasformazione in testata solo online. Davanti a lui chiude un mondo e un mito della fotografia, tutto passa al digitale mentre lui maneggia ancora i negativi e intanto gli incaricati di operare la transizione (esseri umani tra i più beceri ed ignoranti che possiate immaginare) pianificano di rovinare tutto. C'è però ancora un'ultima foto da preparare, quella che sarà l'ultima copertina della rivista, il negativo l'ha inviato il grandissimo Sean O'Connell, fotografo avventuroso e inafferrabile. Negativo che però non si trova e per trovarlo Walter uscirà per la prima volta dal suo guscio alla ricerca avventurosa di O'Connell nei luoghi più impervi del mondo, scoprendo un'altra realtà.

Un inno per l'analogico e contro il digitale, che associa il virtuale ai sogni (in tutta la prima parte Walter Mitty è caratterizzato dall'incantarsi di tanto in tanto e sognare di portare a termine situazioni reali in maniere iperboliche) e l'analogico alla realtà più straordinaria. Un uomo che ha sempre sognato comincia davvero a vivere.
Non vuole proprio far ridere Ben Stiller questa volta (solo in pochi, azzeccati e isolati momenti), ma il canto del suo mondo al tramonto mentre un personaggio rinasce non è all'altezza del peso della profondità che desidera. Con uno sfoggio di paesaggi degno di miglior causa e un certo divertimento a prendere in giro pupazzi di paglia inesistenti (ancora a canzonare le relazioni virtuali sui siti di dating quando sono uno dei motori più importanti per la conoscenza reale, nonchè matrimoni reali??) I sogni segreti di Walter Mitty è un polpettone abbastanza deludente e facilmente dimenticabile che svela un'anima più semplice di quel che lo stesso Stiller vorrebbe ammettere.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.